Utente
Salve,
da qualche giorno a questa parte casualmente ho riscontrato una formazione (tipo una pallina) situata nella parte posteriore sinistra del tronco, subito dietro l'ascella e subito sotto la scapola. Questa formazione se tastata sembra muoversi e sembra essere piuttosto morbida anche se, per esempio, da ieri sera a stanotte sembra variata di dimensione (è rimpicciolita) e sembra meno consistente. Le chiedo cortesemente se la sede d'insorgenza, non proprio naturale per i linfonodi, può far destare preoccupazioni? Inoltre, con un'eco si riescirebbe a togliere ogni dubbio? Vorrei inoltre aggiungere che per un piccolo intervento in day hospital ho fatto tutti gli esami ematici del caso...non è risultato nulla ma non credo sia rilevante sotto tale profilo.
Inoltre, curisoità mia...ho sentito parlare di "linfonodo claveare", perdoni l'ignoranza...ma dove è situato tale distretto linfatico?...potrebbe essere il mio caso?
grazie anticipatamente!

[#1]  
Dr. Francesco Nardacchione

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2006
Gentile signore
la cosa migliore è sicuramente sottoporsi a visita medica, anche se le caratteristiche del "nodulo" da lei riportate non fanno pensare a nulla di grave (cisti sebacea ? lipoma ?) Sicuramente il suo medico curante saprà darle la risposta più idonea.
Per quanto riguarda il "linfonodo claveare2 si tratta di stazioni linfonodali situate sopra la clavicola, alla base del collo.
Cerchi comunque di essere più sereno, altrimenti rischia di allarmarsi troppo per cose semplici.

Cordiali saluti
Dr. F. Nardacchione
NB: qualunque sia il consulto la visita medica rimane imprescindibile

[#2] dopo  
Utente
grazie per la celerità nella risposta...
quello che mi preoccupa è che la posizione di questo "nodulo" sia proprio dietro la cavità ascellare, nella parte posteriore del tronco ma counque molto vicino all'ascella. Inoltre se la pelle è tesa la protuberanza è ben visibile. Non vorrei appunto si tratti di linfonodo ingrossato...è possibile al semplice tatto comprenderne la natura o per lo meno verificarne la gravità?
La ringrazio di nuovo!

[#3]  
Dr. Francesco Nardacchione

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2006
Gnetile signore
mi perdoni ma è proprio per questo che mi sono permesso di consigliarle una visita medica, per verificare "la gravità" del suo nodulo, anche se la sede che lei ha descritto non fa pensare ad una linfoadenopatia.

Cordiali saluti
Dr. F. Nardacchione
NB: qualunque sia il consulto la visita medica rimane imprescindibile

[#4] dopo  
Utente
Grazie mille di nuovo...
sono stato dal mio medico curante e mi ha detto tastandolo ripetutamente che si tratta con ogni probabilità di un lipoma e che con assoluta certezza non è niente di preoccupante in quanto è mobile e morbido al tatto e non aderente alla superficie sottostante. Ho chiesto se era necessario ulteriori e più precisi esami (ecografia?) ma mi è stato detto di non preoccuparmi e di pensare a toglierlo solo se raggiunge dimensioni importanti per ragioni di estetica e di praticità. E' possibile dedurre il tutto dal semplice tatto? Mi fido ciecamente del mio medico curante e sono scettico di mio...pensa che un eco sia inutile?
Grazie infinitamente!

[#5]  
Dr. Francesco Nardacchione

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2006
Gentile signore
penso che lei si debba fidare di più del suo medico ... non solo a parole ma soprattutto seguendo le sue indicazioni.
Mi perdoni ma su quali basi lei pensa che io o un qualunque altro consulente medico INFORMATICO, senza alcuna possibilità di visitarla, possiamo contrastare quanto le ha prescritto il suo medico curante che invece la ha visitata e le ha detto "con assoluta certezza non è niente di preoccupante ?"

Cordiali saluti
Dr. F. Nardacchione
NB: qualunque sia il consulto la visita medica rimane imprescindibile