Utente 150XXX

Sono una donna di 61 anni; ho fatto di recente gli esami del sangue (che ripeterò e che ancora non ho mostrato al mio medico) e il colesterolo totale è 337.

Ho il diabete, ma con valori non alti, oscillanti ta 130 e 140.

Faccio ginnastica, non mangio eccessivamente (qualche gelato ogni tanto) sono longilinea. C'è una relazione tra colesterolo e diabete?

Ci può essere un colesterolo alto costituzionale, cioè genetico e quindi in questo caso la dieta ha poco valore?

Desidererei gentilmente chiarimenti a questi dubbi, e come fare x abbassarlo evitando di prendere farmaci.

Grazie
Rosy

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino

40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
il diabete, soprattutto quando non ben compensato, si associa spesso ad un aumentato tasso di colesterolo e di trigliceridi, che vanno assolutamente corretti perchè inducenti numerose patologie cardiovascolari. Gli accorgimenti dietetici da praticare, sono i soliti, ossia evitare zuccheri e grassi insaturi (insaccati,fritti, condimenti), prediligere carni bianche e soprattutto praticare una costante attività motoria.
Saluti
Dr. Vincenzo MARTINO

[#2] dopo  
Utente 150XXX

Quello che desidero sapere è se devo necessariamente prendere farmaci per il colesterolo,(che vorrei evitare) o potrebbe scendere con una rigida alimentazione adatta per questi casi. Anche se il colesterolo si associa al diabete, i miei valori glicemici non sono però mai molto elevati. Grazie
Rosy

[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino

40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile signora,
in genere i valori da lei riferiti, quasi invariabilmente soprattutto nei diabetici, richiedono l'utilizzo di farmaci anticolesterolemici come le statine. Tuttavia è in genere d'obbligo da parte del medico tentare una soluzione alternativa, consigliando una dieta rigorosa ad una buona attività fisica per almeno un mese e poi eventualmente, in caso di scarsi risultati, affidarsi ad una terapia farmacologica.
Saluti
Dr. Vincenzo MARTINO