Utente 171XXX
Durante questa estate sono stato soggetto per tre volte a tosse con espettorato e il mio medico di base (per due volte) e un altro medico (in quel caso ero in ferie) valutando una possibile bronchite mi hanno prescritto tre antibiotici diversi. Soprattutto il secondo episodio, accompagnato da febbre persistente per 5 giorni (variabile fra 37,5 e 38,5°C) e tosse forte (con indolenzimento del diaframma) è stato particolarmente gravoso.
Nel corso del terzo episodio (iniziato circa 7 giorni dopo la fine della terapia del secondo) ha iniziato a farmi male la zona della milza (zona sotto le coste sinistre), specialmente durante i colpi di tosse. Il medico che mi ha visitato ha auscultato e verificato che i polmoni erano liberi e ha ritenuto che i dolori al fianco sinistro fossero imputabili a infiammazione muslcolare.
Oggi ho terminato il ciclo di antibiotici (7 giorni), non sono ancora libero del tutto dalla tosse, e sono circa 10 giorni che ho il dolore che non passa anche se ho da 6 giorni applicato localmente una pomata per infiammazioni muscolari. Mi fa male anche solo toccare la zona e mi sento anche alquanto indebolito.
Tra l'altro non sono di norma soggetto a patologie (se non raffreddori e qualche virus intestinale trasmessomi dai figli piccoli).
Vorrei capire, non sapendo come raccapezzarmi, se può essere interessato qualche organo interno, tipo milza, e quali esami/visite può essere opportuno fare.
Vi ringrazio in anticipo

[#1] dopo  
Dr. Domenico Natale

20% attività
0% attualità
0% socialità
ORTA NOVA (FG)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2008
Gentle paziente se non è stata ancora effettuata Le consiglierei di eseguire una RX del torace in due proiezioni per escludere focolai bronco-pneumonici e pleurici ed una radiografia mirata dell'emicostato sn.per escludere o confermare,come causa del dolore persistente in tale sede,una infrazione costale(microfrattura)dovuta ai violenti colpi di tosse.A risentirci.
dr.Natale Domenico
Formazione Specifica in Medicina Generale
Ecografista SIUMB