Utente 230XXX
Buongiorno,
vi scrivo per avere il vostro parere sul referto della tac fatta a mio padre in data 15.11.2011.
Innanzitutto qualche premessa.
Mio padre ha 79 anni portati egregiamente. Negli ultimi tempi ha manifestato qualche disturbo a livello della prostata, per cui su consiglio del medico di base si è sottoposto a un’ecografia. Ne è emerso un ingrossamento della prostata - a detta dell’urologo normale per la sua età. Lo specialista ha escluso con sicurezza una neoplasia e ha dato appuntamento a mio padre tra sei mesi per un controllo. Dall’ecografia risultavano però anche alcuni linfonodi ingrossati in zona addominale, per cui il passo successivo per capirne la causa è stata appunto la TC addome sup. e inf..

Questo il referto:
Quesito clinico: Controllo dei linfonodi in sede retro-peritoneale a livello del tronco celiaco, lungo il legamento epato-duodenale e in sede paracavale inferiore all’altezza dell’ilo renale.
Referto: Non disponibili radiogrammi precedenti per utile confronto. Confronto con referto precedente del 21.01.2000. Non evidenti segni di presenza di noduli polmonari a livello della base polmonare inquadrata. Linfonodi accentuati a livello dell’angolo cardiofrenico di dx con un diametro massimo fino a 17 mm. Linfonodi intorno al tripode celiaco con un diametro max fino a 22 mm. Linfonodi a carico del legamento epato-duodenale con il linfonodo più grande in sede posteriore rispetto alla vena porta con un diametro max di 3,6 x 1,5 cm. Linfonodo in sede intraorto-cavale con un diametro di 10 mm. A livello iliaco e inguinale non evidenti segni di linfonodi patologicamente aumentati di volume. Regolare reperto del fegato, senza evidenti segni di lesioni focali. Regolare reperto della cistifellea, delle vie biliari, del pancreas e della milza. Entrambi i surreni e reni nei limiti con presenza di una cisti renale a livello del terzo medio sx di 16 mm. Esiti cicatriziali a livello del polo inferiore del rene di dx, verosimilmente in esiti di intervento chirurgico (anamnesi?). Aumento volumetrico della prostata.
Presenza di un processo occupante spazio a livello dell’ampolla rettale con una calcificazione centrale con un diametro max di 3,6 x 3,5 cm (meritevole di valutazione specialistica).
Diverticolosi del sigma e del discendente. Non segni di versamenti liberi in cavità peritoneale.

Mio padre in passato è stato operato più volte per calcolosi renale, e ha subito anche un intervento per emorroidi.

Altra cosa importante da dire è che continua a tratti ad avere disturbi somiglianti a un bruciore che lui definisce interno, collocabile tra l’inguine e la gamba, e che si sono affievoliti assumendo degli anti-infiammatori prescritti dal medico di base.

Stiamo aspettando la valutazione di un’oncologa, ma tarderà di qualche giorno e vorrei avere qualche indicazione anche da parte vostra.
Attendendo la vostra risposta vi ringrazio.

[#1] dopo  
Dr.ssa Provvidenza Fodale

24% attività
0% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
In attesa della valutazione oncologica, Lei potrebbe completare gli accertamenti iniziali eseguendo degli esami ematochimici di routine (compreso emocromo, VES, LDH, protidogramma, f. alcalina, beta2microglobulina, PSA) ed una rettoscopia : saranno di grande aiuto alla specialista che deve valutare Suo padre.
Dr.ssa Provvidenza Fodale

[#2] dopo  
Dr. Pasquale Buonandi

24% attività
0% attualità
0% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2011
meritevole l'approfondimento del reperto rettale.....il sospetto di una neoplasia a questo livello è abbastanza fondato...aggiunga alle analisi la determinazione del CEA e del CA.19.9
Gli faccia fare una rettoscopia con urgenza.



Cordialmente
Dr. Pasquale Buonandi
Medico Chirurgo specialista in Oncologia

[#3] dopo  
Dr. Serafino Ciancio

24% attività
0% attualità
12% socialità
COPERTINO (LE)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
Sono d'accordo con la Collega dottoressa Provvidenza Fodale:
in attesa della consulenza dell'oncologa sarà utile sapere se si tratta di esiti o di patologia attiva nel presente: la calcificazione fa sperare bene.
Gli esami consigliati saranno acceleratori, se positivi, per ulteriori passi.
Io non ricevo: ho smesso di visitare, tranne obbligo di soccorso
Con empatia.
Dr. Serafino Ciancio

[#4] dopo  
Dr. Marcello Lorello

24% attività
4% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
MILANO (MI)
PALERMO (PA)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
Le consiglio una ves, pcr, cea, ca 19.9, emocromo, transferrina, sideremia. Se il psa totale fosse superiore al range di normalità continuerei con un psa free e una valutazione prostatica transrettale. E dimagrito ?, febbricola serale ?
Cordialità
Dr. Marcello Lorello
Specialista in medicina interna
E mail: info@studiomedicolegalelorello.it

[#5] dopo  
Utente 230XXX

Gentili Dottori,

innanzitutto grazie per le vostre numerose risposte.
Domani mio padre andrà in ospedale per una visita chirurgica-proctologica urgente. Così avremo la possibilità di fare ulteriori passi avanti nella diagnosi.
L'oncologa che ha letto il referto segue in realtà mia madre e si è offerta di vedere per prima l'esito della tac. Lei è abbastanza possibilista.
Mio padre non sembra avere sintomi tipici di un tumore: niente calo di peso, né febbre; niente sangue o muco nelle feci. Mangia volentieri. Certo al momento non vi sono certezze.
Il PSA è alterato ma l'urologo ha già escluso una neoplasia alla prostata perché dice essere nei valori limite per la sua età.
La VES invece ha valori alti da circa vent'anni, e nessuno è mai riuscito a scoprire il perché. Mio padre è sempre stato fondamentalmente bene nonostante queste alterazioni. Sale e scende, ma resta quasi sempre un po' alterata.
Qualsiasi cosa sia, si dovrà valutare la necessità di intervenire chirurgicamente.
Che dire, incrociamo le dita!

Grazie e a presto
Cinzia