Utente 245XXX
Egregi dottori vi scrivo per chiedere un consulto che mi sta molto a cuore. mia madre la scorsa settimana è caduta e ha fatto un controllo ecografico tessuti molli della schiena (zona del trauma) ed occasionalmente l ecografista di turno ha riscontrato la presenza di una cisti epatica sottoglissoniana di 3 centimetri e di una cisti renale di sei centimetri però non ha prescritto alcun aprofondimento. È un radiologo molto bravo. Ha fatto proprio ieri esami del sangue ossia emocromo,creatinina,ferro,urea,elettroliti sierici e transaminasi e sono tutti nella norma. Siccome su internet ho letto da qualche parte che le cisti in quelle sedi si possono rompere, sono spaventata vorrei chiedere un parere. È pensionata, asintomatica e ha 68 anni. É ipertesa ma in cura. Anni fa ha tolto dei polipi alle colicisti. Può esser sufficiente il monitoraggio ecografico annuale o è meglio intervenire? Specifico che ho un bimbo di 9 mesi e mia mamma se ne occupa e si sforza poiché lo prende in braccio. Grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
le cisti epatiche sottoglissoniane sono spesso asintomatiche ma difficilmente regrediscono spontaneamente;

se diventano voluminose e provocano disturbi si procede solitamente al loro trattamento (svuotamento per via percutanea o chirurgico, ossia asportazione della cisti)

Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente 245XXX

grazie mille x la Sua gentile risposta. Le auguro di cuore buon lavoro

[#3] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Molto gentile.

Auguroni.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it