Utente 879XXX
Mio figlio, 30 anni, di ritorno da un viaggio in Giappone, ha fatto le analisi del sangue e i risultati sono stati regolari per tutti tranne che per la transaminasi ALT che è risultata 88 U/L con valori di rif. fino a 49. Adesso sono venuto a sapere che circa una settimana prima di fare queste analisi ha avuto una diarrea che gli è stata curata con antibiotici, antidiarroici e fermenti lattici, cura protrattasi sino a un paio di giorni prima di fare le analisi. E' possibile che questa cura abbia alterato l'esame della transaminasi? Grazie e cordialità.

[#1] dopo  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
Gentile amico, non sapendo a quali farmaci si riferisce, è impossibile darLE risposta!
Resto a sua disposizione!
Cordialmente!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente 879XXX

Grazie per avere risposto alla mia richiesta. In effetti avevo trascurato d'aggiungere la prescrizione, cosa che faccio adesso.
L'antibiotico è Clarithromycin 250 mg; poi il Phelloberin (per la riduzione della peristalsi e contro la fermentazione intestinale); il Biofermin - R (antinfiammatorio gastrointestinale) e infine il Buscopan.
Spero siano sufficienti queste informazioni, io la ringrazio anticipatamente per la sua disponibilità.

[#3] dopo  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
Dei farmaci / integratori elencati, quello che potrebbe aver determinato un aumento della ALT potrebbe essere la Claritromicina.
Tuttavia non c'è modo di affermarlo con sicurezza!

Cordialmente!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4] dopo  
Utente 879XXX

Dunque ora non rimane che ripetere le analisi a digiuno farmacologico e capire di che si tratta. E' già un passo avanti, tuttavia, sapere che uno dei farmaci potrebbe aver creato il problema. Molto gentile ad ascoltarmi, dottore, la ringrazio.

[#5] dopo  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
Di nulla!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia