Utente 948XXX
Ho 67 anni, da alcuni anni soffro di fibrillazione atriale senza cause apparenti. In cura prima con amiodarone ( smesso un anno fa) poi con un altro farmaco. Da un mese ho scoperto di avere ( tiroide sempre normale) FT3 11,66, FT4 57,70, TSH 0,0005, S Tireoglobulina 386, non anticorpi . Mi è stato detto si tratta di ipertiroidismo da amiodarone . Mi è stato prescritto tapazole 3 compresse al giorno per 20 giorni, poi 2 e a 70 giorni consulto e nuove analisi. La mia frequenza è 80 battiti adesso ( prima 60 ) ,nonostante il farmaco per il ritmo cardiaco, ma la pressione è 130-60 circa. Mi è stato detto di non fare sforzi e di stare a riposo e che in tre mesi dovrei andare a posto. Solo in tre mesi? Ho letto da qualche parte che l’ipert. da amiodarone si cura anche con cortisonici. Io non prendo beta bloccanti. Il mio cardiologo dice che non rischio infarto del miocardio, di stare tranquillo. Adesso ho un po’ di insonnia, a volte feci molli, tremore leggero alle mani, calore corporeo di notte. Mi spaventa l’FT4 molto alto. E temo di andare di nuovo in fibrillazione ( ho fatto mesi fa la mia prima cardioversione). Dicono che però la mia prognosi per la tiroide è positiva. Tuttavia ho molti timori. Non so se posso uscire, fare passeggiate. Sono confuso . Cosa devo pensare della mia situazione?

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Innanzitutto un paziente con episodi ricorrenti di fibrillazione striale dovrebbe essere sottoposto a terapia anticoagulante orale con warfarin (Coumadin) al fine di ridurre la possibilità di temibili tromboembolie.
Il Cordarone può', come nel suo caso probabilmente, scatenare ipertiroidismo ed in tal caso il farmaco va sospeso ed intrapresa terapia ad esempio con beta bloccanti (propanololo).
Possono essere impiegati anche altri farmaci, quali il Dronedarone (che non contiene molecole iodate) od anche alcuni calcio antagonisti.
Ma la cosa fondamentale e' mettersi al riaro da tromboembolie iniziando terapia anticoagulante orale.
Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza