Utente 369XXX
Buonasera,vi contatto per chiedervi un parere.ho 32 anni e a seguito di febbre forte e bronchite ho notato un leggero gonfiore della vena temporale sinistra. Questo gonfiore non è visibile ma si sente al tatto. Non sento alcun dolore ma a volte una leggera pressione che si protrae fino allo zigomo (pressione che sento maggiormente quando lavoro al pc). Parlando con il mio medico di base ha ipotizzato che il gonfiore sia dovuto alla febbre forte avuta e che dovrebbe scomparire in un mese massimo due!! Cosa mi consigliate di fare? Premetto che soffro spesso di sinusite e a causa della bronchite avuta e in fase di guarigione avevo molti muchi. Grazie per l attenzione

[#1] dopo  
Dr.ssa Provvidenza Fodale

24% attività
0% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
Le problematiche che potrebbero ipotizzarsi devono essere supportate da esami ematochimici mirati e visita reumatologica. Se il probelema persiste, ne parli col suo medico curante
Dr.ssa Provvidenza Fodale

[#2] dopo  
Utente 369XXX

La ringrazio per la risposta ma purtroppo il mio medico curante sembra sottovalutare il "problema". La vena non è visibile ma solo gonfia al tatto quindi per tale motivo non mi fa approfondire le analisi dicendomi che la causa sono le tante medicine e antibiotico prese e la febbre forte avuta ... In più i muchi hanno infiammato la sinusite quindi qualunque dolore lo ricollega,appunto,alla sinusite e cervicale. L unico esame che ho fatto e' l rx torace ed è andato benissimo . Ma il dolore agli zigomi,sopracciglie e cervicale persiste e spero che nn sia dovuto alla vena temporale. La ringrazio dottoressa

[#3] dopo  
Dr.ssa Provvidenza Fodale

24% attività
0% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
Se il problema persiste per altri giorni insista per effettuare esami ematochimici mirati. Il gonfiore della vena potrebbe essere determinato da altri problemi, ma vale la pena approfondire.
Dr.ssa Provvidenza Fodale