Utente cancellato
L'estate scorsa mi è comparsa una macchia marroncina sulla nocca del dito, ho eseguito la visita dal dermatologo che ha detto che c'è un ispessimento della pelle, e può essere l'esito di un'ustione che però ne sono certo non è mai avvenuta. Il fatto che non si sappia la causa mi agita, perchè leggendo online si legge ripetutamente che iperpigmentazioni si hanno in corso di malattie autoimmuni! Sto semplicemente delirando?

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Gentile Signore,
lei è stato visto dal dermatologo che è per definizione "il medico che cura la pelle".
Questi le ha fatto una diagnosi securizzante.
Su quella deve basarsi. O consultare un altro dermatologo se non si fida del primo.

Lasci stare le panzane che si leggono si internet!
Chiede se stia delirando?:-)
Non le rispondo!! :-)
Con simpatia.

Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
372814

dal 2015
Si sto delirando! :) Ma quello che disturba la mia quiete è che il dermatologo ha detto che sembrerebbe l'esito di un infiammazione o di un ustione! Ma sono sicuro che li non c' era nulla prima, e quindi il motivo è un altro, ma quale! Può spostare il consulto in dermatologia? O devo rimetterlo? Lei è stato gentilissimo!

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Gentile Signore,
non essendo referente di area non posso spostare il consulto.
Lo riformuli identico (magari senza accennare al delirio) nella dermatologia.

Cordiali saluti.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#4] dopo  
372814

dal 2015
Grazie mille lo stesso! Se posso approfittare della sua disponibilità ( ed evitare di aprire un altro consulto per una banalità) per chiederle: mi è uscito un brufolo che però non aveva il punto d'uscita, fatto sta che toccandolo e ritoccandolo si è gonfiato sotto, e adesso è rimasta una pallina dura! Può capitare?

[#5] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve a Lei,
si, capita molto frequentemente.
Pian piano la "pallina " si riassorbirà o si ridurrà di dimensioni.

Stia sereno.

Cordialità





Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#6] dopo  
372814

dal 2015
Dottore ho messo il consulto in neurologia, ma nessuno mi risponde, quindi volevo chiederle se gentilmente aveva la pazienza di tranquillizzarmi. In pratica qualche volta, se magari sto in piedi o a lungo o seduto a lungo, e poi mi alzo, e vado a fare sport la gamba mi cede per un istante parzialmente. Poi non ho problemi a fare sport di nessun genere.mi sarà capitato 5-6 volte in 5 anni

[#7] dopo  
372814

dal 2015
Però non mi sembra molto corretto che non si segua l'ordine cronologico nel rispondere ai consulti! Nessuno mi ha ancora risposto! Grazie Dottore comunque, lei è molto disponibile!

[#8] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Gentile Signore,
presumibilmente la gamba che le cede è legata alla stimolazione di qualche riflesso muscolo tendineo.
Non posso aggiungere altro perchè la mia è solo una ipotesi, e un sintoma del genere va valutato in corso di visita neurologica ove tra l'altro sarebbe possibile evocarlo.
Il fatto che statisticamente le capiti una volta all'anno non esclude che la visita di un Neurologo vero possa tranquillizzarla o suggerire ulteriori indagini.

Si rechi al Policlinico Universitario della Sua città, con la impegnativa di Visita neurologica e troverà sicuramente rimedio alle sue ansie. Perchè, diciamolo senza vergogna, la sua patologia principale è l'ansia, anzi l'angoscia ipocondriaca, sovente considerata dai colleghi non psichiatri non degna di essere considerata una malattia, quale in effetti è, e pertanto necessitante di adeguate cure al pari di una influenza o di una ipertensione.

Cordiali saluti.

Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#9] dopo  
372814

dal 2015
Grazie Dottore! Si senza dubbio l'ansia è un problema e va affrontato! Dunque posso comunque stare tranquillo per malattie gravi come SM e cose simili? Non si presentano cosi giusto? Disponibilissimo, arrivederci

[#10] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Caro Signore,

per quello che può valere un webconsulto e per la estrema sporadicità dei suoi episodi, io sirei che debba essere assolutamente sereno.

Cordiali saluti.

Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.