Utente 372XXX
Buongiorno, alcuni mesi fa a causa di un'influenzami ho avuto problemi sopratutto all'orecchio dx, all'inizio sentivo di meno da entrambe le orecchie per via del catarro, dopo circa un mese l'udito ritorna come prima, ma ogni tanto avvertivo delle piccole scosse all'orecchio dx, cosa che ora non ho più. A inizio luglio a seguito di una fibrolaringoscopia, trovano una neoformazione rivestita di tessuto normale non ulcerata nel rinofaringe. Questa è la risonanza :Esame eseguito con sequenze e FSE e STIR T1 e T2 pesate pre e postcontrasto secondo piani di scansione
assiali coronali e sagittali.
L'indagine dimostra la presenza di una lesione vegetante a carico della tonsilla adenoidea
localizzata nella volta rinofaringea a larga base d'impianto di diametro massimo di 1,5 cm circa con
tenue ipersegnale nelle sequenze T2 pesate e iposegnale in sequenze T1 pesate che presenta
modesto incremento di segnale dopo mezzo di contrasto compatibile con iperplasia della tonsilla
adenoidea.
Non si rilevano segni di erosione della volta rinofaringea.
Non èresente tessuto patologico a sviluppo nello spazio parafaringeo.
Normali lefossette di Rosenmüller.
Si segnala ipertrofia dei turbinati medi e inferiori specie di destra a sinistra del setto nasale.
Sono presenti alcuni piccoli linfonodi di natura reattiva in sede giugulo-digastrica e laterocervicale
bilateralmente di diametro longitudinale massimo di 1,5 cm circa.
Normale la presentazione delle strutture del laringe.
Normali le tonsille palatine le tonsille linguali.
Ho eseguito la biopsia una settimana fa e sto aspettando l'esito. In proposito cosa mi potete dire? Ho paura!

[#1] dopo  
Prof. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Il referto della risonanza magnetica nucleare sembra orientare verso una condizione di flogosi cronica delle prime vie aeree con iperplasia reattiva della mucosa dei turbinati medi ed inferiori e delle tonsille adenoidee. L'esecuzione della biopsia è stata la scelta corretta per confermare il sospetto diagnostico. Cordiali saluti.
Mauro Granata