Utente
Buongiorno dottori.
Cortesemente vorrei chiedervi un consulto su un evento avvenuto circa due anni fa ma che mi è tornato in mente per aver letto alcune cose in relazione alla muffa.
Quando è nata mia figlia abbiamo acquisto un trio nuovo e per i primi otto mesi abbiamo utilizzato molto la navicella del trio (una delle migliori marchi presenti nel mercato), anche perché mia figlia è nata prematura (anche se è nata alla fine della 35 settimana e fortunatamente non ha mai avuto nessun problema) e voleva dormire molto dentro la navicella, si sentiva "protetta".
Di notte dormiva in un lettino che si univa al nostro, non faccio nomi commerciali, ma penso abbiate capito la tipologia.

Ecco, dove sta il problema?
Quando dopo circa 7 mesi ho sfoderato il rivestimento per lavarlo mi sono accorta che nella parte interna del rivestimento, rispettivamente sotto la zona del materassino, si era formata un po' di muffa (poteva essere lunga max circa 4 cm larga 1 cm) anche se non ricordo più in quale punto esatto, se zona piedi, testa o schiena... in quel momento sono rimasta basita ho immediatamente lavato il rivestimento in lavatrice con candeggina ma dopodiché essendo la bambina di 7/8 mesi non ho più usato la navicella e sono passata direttamente al lettino.
Quando successe la cosa non gli diedi molta importanza, anche perché leggendo in internet scoprì che purtroppo anche ad altri successe la stessa cosa perché, soprattutto in inverno, per via del calore del bimbo, si forma condensa e muffetta nella parte di sotto.. io non l'avrei mai immaginato, anche perché era ed è la mia prima figlia e non avevo molta esperienza.

Adesso a distanza di due anni, perché mia figlia ha 2 anni e 9 mesi, sto ripensando a questo evento perché leggo che la muffa è anche cancerogena... ma come?
Io sto super attenta a queste cose, non ho muffa in casa, sia perché nuova sia perché ci tengo... e ci penso anche perché non so da quanto tempo si possa essere potuta formare nel rivestimento della navicella, potrebbe essersi formata anche dopo un mese...
So solo che mia figlia voleva stare tanto li dentro, si sentiva protetta... e per toglierla mi sono presa di coraggio perché non voleva abbandonarla... ci stava molte ore al giorno, tante... voleva riposare solo li, eccetto la notte che, come già vi ho detto, dormiva in quella culla che si univa al letto.
Non ha sofferto di allergie, riniti, asma, bronchiolite, rasch cutaneo (aveva la crosta lattea), niente di tutto ciò... ma adesso leggendo il binomio muffa e cancro sto avendo paura...
Per favore dottori che cosa devo pensare?

Grazie mille per la cordiale attenzione.

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Stia tranquilla, nessun problema.
Smetta di leggere sciocchezze sul web.
Cordiali saluti.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente
Dottore Bacosi la ringrazio infinitamente della sua risposta. Sinceramente sono stata in ansia perché sul web dicono che la muffa è anche cancerogena...la ringrazio molto perché mi ha rasserenata tanto. È vero, devo smetterla di leggere sul web...
Le auguro una buona serata.

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Di nulla.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4] dopo  
Utente
Dottor Bacosi, scusi se la disturbo, un ultimo chiarimento mi creda... Ma il fatto che mia figlia fosse prematura riguardo all'evento che è accaduto nessun problema ugualmente (muffa e cancro o altre patologie)? Come già detto è nata alla fine della 35 settimana, è stata in utin una settimana per accertamenti ed esami tutti negativi. Appena nata ha presentato, tuttavia, lieve distress respiratorio per cui le è stata praticata per 15 minuti ventilazione a pressione positiva con risoluzione del distress ed è andata in utin con il proprio respiro....ad ogni modo nessun problema di asma, rinite, bronchiolite....posso stare serena ugualmente? Comunque non sto più andando sul web dottore, ho seguito il suo consiglio e mi sento meglio...vorrei solo specificare questa cosa per essere tranquilla del tutto.
Grazie di cuore per tutto.

[#5]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Nessun problema.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia