Utente
Buongiorno,
dalle recenti analisi di routine, per la prima volta ho controllato la vitamina d e il valore risulta essere pari a 12 ug/L.


Ieri ho effettuato l'eco di controllo per tiroidite di hashimoto che ho dal 2008, assumo eutoirox 50mg 5/7die e 25mg 2/7; valore tsh 5, 58.


Il medico di base mi ha consigliato di prendere eutirox 50mg 7/7die e di assumere il calciferolo 100.000UIML, 1 fiala al mese.


Chiedo:
- la tiroidite può essere una causa della carenza di vitamina d?

c'è correlazione?


- la somministrazione quotidiana di vitamina d è preferibile a quella mensile o è indifferente?

Se sì, quale dovrebbe essere la dose giornaliera nel mio caso?


-fra quanti mesi consigliate un controllo dei valori tsh e vitamina d?


Ringrazio della disponibilità.

[#1]  
Prof.ssa Maria Simona Bonavita

16% attività
16% attualità
0% socialità
AFFILE (RM)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2007
la vit. D è regolata dal PTH (Paratormone), prodotto dalle paratiroidi, pertanto , dato il valore piuttosto basso della vit. D, le consiglio di eseguire il dosaggio del PTH, onde escludere o meno una patolgia concomitante delle paratiroidi.

[#2]  
Dr. Piergiorgio Biondani

28% attività
20% attualità
12% socialità
BUSSOLENGO (VR)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2020
Gentile signora,
a quanto le ha giustamente consigliato la collega, mi permetto di aggiungere alcune recenti osservazioni circa lo stretto rapporto fra Tiroidite di Hashimoto e vit.D.
Si intende che quest'ultima va intesa non solo come semplice vitamina, ma come un vero e proprio ormone implicato in maniera profonda nel nostro sistema immunitario, di cui la Tiroidite di Hshimoto rappresenta un disordine.
La correlazione fra i due problemi è allo stato attuale attentamente studiata, anche se non tutte le implicazioni sono state chiarite.
Sembra comunque che i pazienti affetti da Tiroidite di Hashimoto e carenti di vit.D necessitino di una supplementazione maggiore per raggiungere livelli di sicurezza, rispetto a coloro che sono carenti, ma non soffrono di problemi tiroidei.
La dose va quindi molto personalizzata e tarata seguendo i valori emersi dai successivi controlli.
Personalmente, anche se la monosomministrazione mensile appare più comoda, preferisco quella giornaliera, che ritengo più fisiologica e presenta inoltre minori probabilità di incorrere in sovradosaggi.
Cordiali saluti
Piergiorgio Biondani.
Dr. piergiorgio biondani

[#3] dopo  
Utente
Grazie mille per le preziose risposte e indicazioni.