Utente 227XXX
Gentili Dottori.

Un anno fa sono stato visitato da un andrologo della mia città (di cui, mi ci giocherei qualsiasi cosa, avrete già sentito parlare), tale "dottor N".

Costui non solo non è andrologo, ma ha tentato di infilarmi in un vortice di esami obsoleti che sarebbe culminato con una fantomatica (e costosissima) operazione dal "risultato garantito", che sarebbe risultata totalmente inutile.

Ora, sono riuscito a evitare tutto ciò in quanto ho potuto consultare altri andrologi che mi hanno avvertito del rischio di queste terapie/esami inutili e, soprattutto, mi han messo al corrente del fatto che tale individuo è un po' la "wanna marchi" dell'andrologia e ha già a capo un sacco di denunce.

Vorrei aggiungere la mia, soprattutto per evitare che qualcun altro ci caschi, questa persona deve essere fermata.

Mi sapreste gentilmente aiutare su come procedere? Ho in mano tutta la documentazione e gli esami sostenuti, fatture etc. Sono persino stato operato di frenuloplastica.

Grazie per l'attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile Signore,

non esistono i "finti andrologi", perché per praticare una specialità non è obbligatorio possedere il titolo di specialista (eccetto che per anestesia e radiologia).
Chi non ha la specialità non può presentarsi come "specialista in andrologia" né mettere questo titolo nella sua carta intestata o sulle targhette di studio, ma qualsiasi medico-chirurgo può praticare l'andrologia e persino operare anche se non ha conseguito la specializzazione.

A dire il vero, attualmente non esiste più il titolo accademico di specializzazione in andrologia; esisteva una volta; quelli che oggi possono mettere sulla carta intestata "specialista andrologo", possono farlo perché hanno conseguito la vecchia specialità.

Altro discorso è la preparazione professionale.
Le faccio un esempio: io, essendo laureato in medicina e chirurgia, potrei da domani mettermi a fare l'andrologo; naturalmente, non mi sogno di farlo, perché non sono esperto di andrologia.
Perciò, esistono andrologi bravi e andrologi meno bravi, a prescindere se abbiano o no conseguito il titolo di specializzazione.

Venendo a quanto lamenta in concreto, lei da un lato dice che ha evitato terapie ed esami inutili che le sono state proposte da tale "dottor N", d'altro lato dice che ha la documentazione di esami sostenuti e di fatture e che è stato operato "persino" di frenuloplastica.
Perciò, non capisco se si sta lamentando di cose già fatte oppure di cose che le erano state proposte ma che comunque non ha fatto; e in questo secondo caso, non vi sarebbero gli estremi della denuncia dal punto di vista medico-legale, perché non le sarebbe stato arrecato nessun danno.

Perciò, per rispondere alla sua domanda:
- a prescindere se abbia o no la specialità, quel medico pratica l'andrologia in modo del tutto legale; perciò, dire che è un "finto" andrologo potrebbe ipotizzare il reato di diffamazione; sia prudente, quindi, nel dire questa frase, che potrebbe ritorcersi contro di lei.
- se questo medico ha scritto sulla propria carta intestata di essere specialista in andrologia in assenza del titolo di specialità, lei può farne segnalazione all'Ordine dei Medici;
- soltanto se questo medico le ha causato un danno per imperizia, lei ha il diritto di chiedere un risarcimento; in tal caso, però, prima di adire ad un contenzioso penale o civile, dovrebbe consultare uno specialista andrologo o un medico-legale.

Cordiali saluti
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#2] dopo  
Utente 227XXX

Gentilissimo Dottor Corcelli.

Voglio solo fare in modo che questa persona venga fermata. A me personalmente di danni non ne ha fatti (non ne ha avuto la possibilità perchè altrimenti, come mi ha già detto un altro dottore, avrei fatto la sfortunata fine di altri pazienti) ma so che si tratta di un truffatore (ci metterei tranquillamente la firma).

Comunque capisco che personalmente non ci posso fare niente, se non segnalare la cosa all'ordine dei medici.

Grazie per le informazioni!

[#3] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

se non le ha fatto alcun danno, la questione non è di natura medico-legale.

Può fare una segnalazione all'Ordine dei Medici; tuttavia, le consiglio di inoltrarla soltanto se può provare documentatamente il comportamento scorretto del medico.
Quanto alla parola "truffa", le suggerisco di usarla solo se è sicuro di poterla provare, altrimenti si espone al rischio di una querela da parte del professionista.

Buona serata
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it