Utente 261XXX
ho fatto domanda per invalidità e legge 104 per intervento di orchifuniculectomia per seminoma testicolare (pT1). Mi hanno riconosciuto INVALIDO con TOTALE e permanente inabiltà lavorativa: 100% art 2 e 12 L 118/71.
Il problema è che non ho ancora 50 anni e non credevo che imbarcarmi in questa cosa mi avrebbe portato all' inabilità lavorativa. Comunque ho sei mesi di tempo per far ricorso mi sapete dire se ho possibilità di riottenere l' abilità a lavoro? Aggiungo che il verbale ricevuto è provvisorio e dovranno recapitarmi quello definitivo.
Nel caso non possa contrappormi al provvedimento a quanto ammonterebbe l' assegno di pensione di invalità totale? Non è assurdo che mi mettano a riposo per una patologia che non ha secondarismi e devo seguire solo un follow up come da protocollo? Ho fatto domanda di invalidità e per la legge 104 solo per avere un avvicinamento al domicilio visto che copro 100 Km al giorno per andare e tornare.
Grazie per ascoltarmi, aspetto con ansia vostre notizie.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

il riconoscimento della "totale e permanente inabiltà lavorativa: 100% ai sensi dell'art 2 e 12 L 118/71, se Lei è in attualità di lavoro, non ha conseguenze (è soltanto un riconoscimento di inabilità totale teorico, e non concreto) e consente di mantenere il posto di lavoro, a meno che non siano presenti clinicamente disturbi che comportano, a giudizio del "medico competente" della Azienda, la permanente non idoneità alla mansione specifica. Inoltre, può ottenere le agevolazioni previste per i lavoratori invalidi, che sono in sintesi riportate nell'elenco al seguente link:
http://www.handylex.org/cgi-bin/hl3/cat.pl?v=a&d=h&c=4401

Se Lei invece non ha lavoro, può iscriversi alle liste per il collocamento obbligatorio ai sensi della Legge 68/99:
http://www.handylex.org/cgi-bin/hl3/cat.pl?v=a&d=4400&c=4300

Infine, se non supera i limiti di reddito previsti, può ottenere la pensione di inabilità per l'invalidità civile:
http://www.handylex.org/schede/icpensione.shtml

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#2] dopo  
Utente 261XXX

grazie per la celere e confortevole risposta che mi fa stare un pò più tranquillo, capirete però che ho cercato altre informazioni che mi hanno disorientato ancora di di più...mi sono recato presso il patronato dove ho consegnato la domanda poi inviata all' INPS e mi hanno detto che di non consegnare il verbale alla mia amministrazione e non sarebbe successo niente. Ho chiesto ad una persona che sembrerebbe ben informata in questioni di medicina legale e mi ha detto che l' invalidità al 100% con inabilità al lavoro garantisce la pensione anticipata con 40 anni di contributi e il massimo dello stipendio, affermando che le norme per i dipendenti ospedalieri (quale sono io...con 22 anni di servizio + 4 di struttura privata precedente all' assunzione) sono diverse dagli altri uffici pubblici.
Io non voglio niente che non mi spetti ma vorrei sapere cosa mi spetta.
Ringraziando ancora e scusandomi se le ripropongo il quesito la saluto cordialmente affermando che ci tengo al mio lavoro e voglio tenermelo stretto,

[#3] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

<... una persona che sembrerebbe ben informata in questioni di medicina legale e mi ha detto che l' invalidità al 100% con inabilità al lavoro garantisce la pensione anticipata con 40 anni di contributi e il massimo dello stipendio ...>

"per i dipendenti delle Amministrazioni pubbliche di cui all'articolo 1 del decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, iscritti alle forme di previdenza esclusive dell'assicurazione generale obbligatoria, nonché per le altre categorie di dipendenti iscritti alle predette forme di previdenza, cessati dal servizio per infermità non dipendenti da causa di servizio per le quali gli interessati si trovino nell'assoluta e permanente impossibilità di svolgere qualsiasi attività lavorativa, la pensione è calcolata in misura pari a quella che sarebbe spettata all'atto del compimento dei limiti di età previsti per il collocamento a riposo".

La fattispecie in questione non riguarda l'invalidità civile, ma i pubblici dipendenti, ed è disciplinata dalla Legge 335/95: è previsto il collocamento in pensione a domanda, previo riconoscimento della totale e permanente inabilità da parte della Commissione Medica Periferica del Ministero del Tesoro.

Prima di presentare qualsiasi istanza, Le consiglio comunque di rivolgersi ad un Ente di Patronato per verificare quanto, alla luce della Sua situazione lavorativa e contributiva, possa essere vantaggioso.

Ancora Distinti Saluti.

Distinti Saluti.

Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]