Utente 266XXX
Buongiorno,
Vi chiedo cortesemente una Vs opinione.
Una mia parente di anni 63 a seguito di caduta su pubblica via, causa fondo sconnesso, si è procurata frattura poliframmentata della rotula dx corretta con intervento di osteosintesi sec. Weber e frattura scomposta omero dx corretta con placca e viti. A distanza di due mesi, causa cedimento del ginocchio operato, cadeva in casa fratturandosi il polso dx e la branca ischiopubica dx, guarita con riposo a letto.
Attualmente la mia parente presenta, come deficit, mancanza di flessione palmare destra con persistenza di impotenza funzionale dolorosa. Il ginocchio dx causa deambulazione con deficit di flessione (limitata a 80°) ed estensione del ginocchio e perdita frequente di equilibrio anche per la grave ipotrofia del muscolo quadricipite dx ed impotenza funzionale con algor in movimento o anche a riposo. E' presente edema persistente a caviglia dx.
La mia parente si è sottoposta a visita medico legale dal medico indicato dall'assicurazione e attende la proposta di liquidazione.
Secondo la Vs opinione indicativamente quanti punti di invalidità potrebbero esserle riconosciuti?
Vi ringrazio
Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

spesso viene chiesto in questi consulti telematici un parere sul grado di invalidità.
Ribadisco che si tratta di una "diagnosi medico-legale" che non è possibile esprimere correttamente, al pari di ogni altra diagnosi clinica, senza una visita.

Peraltro, il suo caso è complicato da un secondo evento traumatico, che lei collega al primo; tale circostanza va analizzata, esaminando la documentazione clinica completa.

Cordiali saluti.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it