Utente 109XXX
Salve e ringrazio sin d'ora per la eventuale risposta.
Nel 2008 ho presentato domanda di invalidità civile, accordatami con il 100% in quanto mi sono state riscontrate le seguenti patologie: Colectomia totale con ileostomia terminale, BPCO, disturbo d’ansia generalizzato.
Nel 2009 sono stato sottoposto a visita di revisione con conferma dell’invalidità
Nel 2010 sono stato sottoposto a visita diretta da parte dell’INPS che pur confermando le patologie ha ridotto l’invalidità al 60%.
Premesso che sin dal 2008 sono presenti, nel fascicolo della commissione medica e regolarmente documentate, altre patologie, tipo: Spondilosi Lombo Sacrale, Modesto appuntimento spine tibiali ginocchio sx, Mega--Apofisi trasversa c7 e Obesità di I° grado. Ma queste patologie non sono mai state annotate nel verbale forse perché era già presente un invalidità del 100%.
Oggi, dopo aver chiamato in giudizio l’INPS, mi sono ritrovato a visita CTU il quale mi ha attribuito il 75% annotando le seguenti patologie: MEGACOLON-COLOSTOMIA (III CLASSE) e BRONCHITE ASMATICA CRONICA.
Sto cercando di far fare le controdeduzioni alla CTU ma ho visto che attuando la formula riduzionistica, pur analizzando tutte le patologie non arriverei mai al 100% in quanto la patologia successiva fa la CRESTA su quella precedente, quindi credo che sia impossibile a chiunque raggiungere il 100% a meno che tale punteggio non venga assegnato con un'unica patologia.
Comunque la mia domanda è la seguente: la colectomia totale e l’ileostomia terminale sono un'unica patologia o hanno due punteggi differenti che poi si sommano tra loro? Dette patologie non sono presenti nella tabella delle invalidità, è giusto che il CTU a fronte di queste patologie abbia considerato il MEGACOLON-COLOSTOMIA (III CLASSE)?
Rinnovo i miei ringraziamenti anche in assenza di risposta e auguro buon lavoro a tutti.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Golia

28% attività
4% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
SERIATE (BG)
CREMONA (CR)
PESCHIERA DEL GARDA (VR)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Buongiorno,

a mio parere, considerando le patologie citate, la valutazione del 75% sembra essere corretta. Naturalmente dipende dalla gravità dele patologie da cui è affetto (per esempio se coesiste una insufficienza respiratoria e la gravità della patologia psichiatrica), solo una visita medico legale e l'esame della documentazione sanitaria può essere dirimente in merito.

Cordiali saluti.

Generalmente il 100% viene assegnato, oltre che quando si tratta di patologie tabellate, quanto le patologie sono più gravi e vi è anche una minima compromissione generale..
Dr. Maurizio Golia Specialista Medicina Legale e Medicina Preventiva Lavoratori tel. 339/7303091
Brescia - Cremona - Bergamo - Verona