Utente 396XXX
Buongiorno dottore,
mi scuso anticipatamente per approfittare di Lei ma sono in difficoltà su troppi fronti. Mi trovo a dovermi difendere da una falsa accusa di percosse e lesioni. Le prove dell'accusa sono un certificato del pronto soccorso che, in assenza di lesioni ed escoriazioni ma in presenza di forte dolore lamentato all'orecchio, diagnostica una "sospetta lesione da barotrauma" ed invia il paziente ad esami più approfonditi da uno specialista, dove si sottopone ad audiometria dalla quale risulta un deficit di udito alle alte frequenze. Io le chiedo:
1- quali esami sono di norma necessari in questi casi?
2- E' il test audiometrico diagnosticamente e/o terapeuticamente efficace, insomma ha senso eseguirlo (e da solo) in tali circostanze?
La ringrazio per l'attenzione,
Alessandro Dominici

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

un barotrauma è una lesione ai tessuti provocata dal mancato equilibrio fra la pressione dell'aria contenuta in una cavità corporea e la pressione dell'ambiente circostante.
I barotraumi si verificano quando il corpo passa in modo troppo rapido da un ambiente in cui la pressione è più elevata ad uno in cui è più bassa, o viceversa.
Tipico esempio di barotrauma è quello del subacqueo che si immerge troppo rapidamente, senza effettuare le manovre di compensazione.

In conclusione: un barotrauma non ha niente a che vedere con "percosse" o "lesioni".

Anche un deficit uditivo può essere conseguente a trauma soltanto se si è verificata una frattura della base del cranio con interessamento della struttura denominata "rocca petrosa", e non altrimenti.

Distinti Saluti.

Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]