Utente 223XXX
Spett.li medici, mi chiamo Fabio e avrei bisogno di un vostro parere. A marzo 2016, presso l'ospedale cardiologico Monzino, sono stato sottoposto a studio elettrofisiologico per episodi sincopali con riscontro di pattern di Brugada tipo 2 e familiarità per morte improvvisa. Si effettua test all’ajmalina che risultava positivo( comparsa di pattern di Brugada tipo 1 in V1 e V2). In considerazione dell'assenza di pattern tipo 1 spontaneo tipo Brugada e della negatività dello studio elettrofisiologico si decideva di non procedere ad impianto di ICD (dubbia familiarità per morte aritmica in possibile cardiopatia ischemica), si procedeva quindi ad impianto di loop recorder sottocutaneo (Medtronic Reveal Linq) in regione pettorale sinistra, per il monitoraggio del ritmo cardiaco a lungo termine. Dall'ultimo controllo di settembre 2018 non sono emersi nessun episodio aritmica ma in V1 aspetto tipo pattern di Brugada 2. Inoltre, in aumento dell’ipertensione arteriosa in trattamento per il quale è stata aumentata il dosaggio del farmaco. La mia richiesta è questa: mi conviene presentare la domanda per eventuale punteggio di invalidità? Ci potrebbero essere i presupposti per richiederlo e quanto potrebbero riconoscermi? Grazie Fabio

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

già in passato Le era stato risposto dalla Collega Dott.ssa Battimelli relativamente all'eventualità di istanza di aggravamento di invalidità civile:
https://www.medicitalia.it/consulti/medicina-legale-e-delle-assicurazioni/318480-aggravamento-invalidita-civile.html

Ciò premesso, e confermandoLe quanto riportato nel precedente consulto per quanto attiene alla stima delle percentuali di invalidità, tenga comunque presente che una condizione clinica di aritmia con impianto di dispositivo può essere valutata teoricamente nella misura del 21-30% con criterio analogico alle infermità riportate nel D.M. 5-2-92; tale percentuale dovrebbe poi essere sommata con criterio riduzionistico ai valori percentuali attribuiti alle altre infermità coesistenti, da cui Lei risultava essere affetto, ammettendone la permanenza senza modificazioni degli aspetti invalidanti.

Personalmente ritengo che una persona che ha delle infermità debba comunque presentare istanza di invalidità civile o di aggravamento, ma senza effettuare calcoli preliminari o previsioni, meno che mai on-line, stante l'estrema aleatorietà dei pareri che, senza l'esame della documentazione e la visita diretta, sono del tutto inutilizzabili.
Se del caso, può essere invece di utilità, dopo aver ricevuto il verbale della Commissione, sottoporre il caso ad uno specialista medico-legale in funzione di un eventuale ricorso giudiziale, ove il caso risulti sotto-valutato.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#2] dopo  
Utente 223XXX

Grazie dottor Mascotti per la sua cortese risposta.