Utente 163XXX
Gentili dottori, a seguito di infortunio sul lavoro del 4 ottobre ho riportato una frattura scomposta pluriframmentaria con distacco parcellare del IV dito mano sx. A distanza di circa 80gg di inabilità lavorativa giustificata dall INAIL e di relativa chiusura della pratica,il risultato é che la frattura non si é sanata, inoltre il dito ha assunto una curvatura del tutto innaturale visto che punta verso l alto, come si evince anche dagli rx inoltre ancora oggi non piego il dito oltre la metà.
La mia domanda é, in attesa di ricevere il responso Dell INAIL cosa posso aspettarmi in termini di punteggio?
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

solitamente non rispondo a chi richiede previsioni circa una valutazione di invalidità, perchè la valutazione medico-legale del danno biologico in ambito assicurativo INAIL presuppone condizioni cliniche stabilizzate, un attento esame di tutta la documentazione sanitaria pertinente al caso, e soprattutto una visita diretta del periziando, mediante cui stabilire quali sono le effettive menomazioni, ed attraverso una procedura di calcolo che differisce a seconda delle fattispecie, stabilire quale sia il danno alla salute e quanto di tale danno alla salute sia ascrivibile all'assicurazione INAIL.
Qualsiasi ipotesi di valutazione con espressione di un valore percentuale, effettuata senza tale metodologia, non rientra nei criteri su cui si basa la medicina legale e delle assicurazioni.

Tuttavia nel Suo caso, trattandosi di una menomazione singola monocrona, è possibile fornirLe un'indicazione approssimativa, riferendo il valore percentuale di danno biologico che le tabelle INAIL vigenti (D.M. 12 luglio 2000) prevedono per la menomazione al Codice 245 "Perdita totale dell'anulare", che è del 6% in caso di arto dominante (destro in destrimane, sinistro in mancino) e del 5% in caso di arto non dominante.
Sempre le medesime tabelle riportano fra i criteri applicativi: "Nella valutazione del danno la perdita funzionale non è equiparata a quella anatomica. Quest'ultima assume, di norma, connotazione di maggiore gravità".

Sulla base di tali considerazioni, un caso come quello descritto nel Suo quesito dovrebbe ottenere una valutazione inferiore al 5-6%.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#2] dopo  
Utente 163XXX

Dottore la ringrazio per la disponibilità dimostrata nel rispondermi e mi scuso per la richiesta non conforme.
Grazie e buona giornata