Utente
Buongiorno
durante attività lavorativa ho subito il distacco parcellare dell'apice del malleolo a causa di una forte inversione della caviglia.
Il tutto diagnosticato dal pronto soccorso curato con tutore plastico ghiaccio, antinfiammatori e riposo.
A seguito della mia richiesta di causa di servizio la stessa mi viene riconosciuta senza ascrizione tabellare.
Nel corso degli anni ho avuto dei gonfiori e dolori che riuscivo a tamponare con i FANS.
Recentemente ho avuto degli eventi acuti con gonfiore alla caviglia, al piede fino all'aluce, con conseguete impossibilità a deambulare.
Ho fornito quindi a lavoro certificato medico di alcuni giorni con specificato la patologia per causa di servizio ma il dirigente sanitario a lavoro non ha avvalato il certificato ritenendo per maggior parte non dipendente da causa di servizio.
Considerato che non credo di essere mai guarito del tutto e la patologia mi si ripresenta all'improvviso senza nessun trauma apparente, che cmq nel mio lavoro gli arti inferiori in particolare, sono spesso sollecitati.
Ritenete giusta la valutazione?
come devo comportarmi?
È vero che è difficile avere una completa guarigione in quanto l'apice del malleolo raramente si risalda per bene, e che i legamenti sicuramente ne hanno risentito?

Ringrazio in anticipo
Distinti saluti

[#1]  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

se è militare, può richiedere l'aggravamento dell'infermità dipendente da causa di servizio, se rientra nei termini (5 anni).

Faccia riferimento alle istruzioni del Ministero della Difesa:
http://www.difesa.it/SGD-DNA/Staff/DG/PREVIMIL/Pagine/FAQ.aspx

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#2] dopo  
Utente
Buonasera Dr. MASCOTTI la ringrazio per la disponibilità ha intuito perfettamente il mio lavoro.
Mi scuso ma ho ancora qualche dubbio.
Perché il D.S.S ha tramutato il mio certificato medico x causa di servizio in licenza straordinaria malattia non dipendente da causa di servizio?
Perché indica "per la maggior parte non dipendente da causa di servizio" non avendomi neanche visitato ed in contrasto con il certificato del mio medico?
È possibile produrre ulteriori certificazioni mediche che possano far cambiare la valutazione del D.S.S?
Inoltre per quanto riguarda l'aggravamento è possibile richiederlo anche se la mia causa di servizio non ha ascrizione tabellare e di conseguenza nessun equo indennizzo? Ho letto il punto n. 4 del file da lei indicatomi è non capisco bene se è possibile.
La ringrazio infinitamente per il tempo dedicatomi.
Saluti

[#3]  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

"Perché il D.S.S ha tramutato il mio certificato medico x causa di servizio in licenza straordinaria malattia non dipendente da causa di servizio?"
-in questa sede non è possibile conoscere, nè ipotizzare tali motivazioni

"Perché indica "per la maggior parte non dipendente da causa di servizio" non avendomi neanche visitato ed in contrasto con il certificato del mio medico?"
-in questa sede non è possibile conoscere, nè ipotizzare tali motivazioni

"È possibile produrre ulteriori certificazioni mediche che possano far cambiare la valutazione del D.S.S?"
- Dovrebbe ricorrere all'organo gerarchicamente superiore

"per quanto riguarda l'aggravamento è possibile richiederlo anche se la mia causa di servizio non ha ascrizione tabellare e di conseguenza nessun equo indennizzo?
-Sì, per quanto mi consta è comunque possibile richiedere l'aggravamento.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#4] dopo  
Utente
Dott. Mascotti la ringrazio per il tempo dedicatomi chiederò personalmente informazioni al D.S.S. ed eventualmente aggiornerò il post.
La ringrazio di nuovo per la celerità e precisione delle sue risposte ai miei quesiti.
Cordialmente.