L'area di Medicina non Convenzionale è riservata ai soli perfezionati in tali discipline, quindi non sarà possibile ricevere risposte da altri specialisti. Teoria e pratica delle discipline di Medicina non Convenzionale ad oggi non sono ancora sostenute da sufficiente sperimentazione scientifica e sono disciplinate dal codice di deontologia medica (art. 15)

Utente 105XXX
salve volevo avere un consiglio....sono un agonista di endurance(gare lunghe)dopo aver corso un 100 km a piedi e avendone altrettanti da correre è normale avere un gonfiore alla caviglia con relativo dolore.....c'è chi usa aulin o cose equivalenti per disinfiammare... io sono per l'arnica normalmente per gare più corte prendo una dose da 200ch la sera prima e poi un altra prima di partire....se come ho detto per finire una gara da 200 km ci fosse bisogno di altra arnica,ho sentito che utile con immediata efficacia sono iniezioni di arnica...la mia domanda è dove inniettarla?????intramuscolo(sedere) o proprio dove il dolore nasce,nel mio caso sulla caviglia?????grazie

[#1] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

quando ci troviamo a trattare una sofferenza acuta con farmaci omotossicologici in fiale solitamente i punti principali di iniezione sono quelli del dolore riferito dal paziente e quelli provocati da una pressione di media intensità sui tessuti; nel suo caso quindi è preferibile intervenire sulla caviglia.
Mi preoccupo però nel segnalarle che in casi come questo si interviene a livello sottocutaneo e con aghi molto piccoli (quelli che si usano per la mesoterapia estetica); trattasi di intervento di precisione che deve essere esguito da personale esperto. Per un'iniezione intramuscolare glutea ovviamente la procedura è evidentemente più semplice (aspirare sempre!).
P.s.: apprezzo e "invidio" il suo impegno agonistico ma per quanto ovvio, devo ricordarle che qualunque stress fisico che esiti in condizione infiammatoria di qualsiasi distretto (nel suo caso indicata da gonfiore e dolore alla caviglia) segnala una condizione patologica che se ripetuta nel tempo può provocare seri danni a livello articolare.

Cordialmente.
Dr. Riccardo Ferrero Leone
Omeopatia-Omotossicologia-Nutrizione clinica