L'area di Medicina non Convenzionale è riservata ai soli perfezionati in tali discipline, quindi non sarà possibile ricevere risposte da altri specialisti. Teoria e pratica delle discipline di Medicina non Convenzionale ad oggi non sono ancora sostenute da sufficiente sperimentazione scientifica e sono disciplinate dal codice di deontologia medica (art. 15)

Utente 264XXX
Buongiorno,

Il reumatologo dopo esami del sangue negativi ha diagnosticato sospetta fibromialgia.
Ho deciso di curarmi da un omeopata.
cura :
Inizialmente agopuntura: aveva effetto sul dolore ma non nel punto corrispondente al fegato e intestino.
Da eco addominale risultava fango biliare che con 4 mesi di acido ursudesossicolico sembra si sia sciolto.
Per dormire: Serotonina d6 guna 10 goccie matt. + 10 sera (prese 6 mesi ora ridotte solo alla sera)
Per la paura: Hignatia Homaccord 10 goccie al mattino (prese 6 mesi ora ridotte solo 5 al mattino)
Allegie a parietaria e graminacee: euphorbium com. 1 spray + 1 cp di Engystol
Il tutto integrato da dieta x intolleranze + nuoto e ginnastica posturale.
Da un mese e mezzo ho reflusso acido, dolori vicino al cuore (elettrocardiogramma ok) forse intercostali, difficile digestione.
Inizialmente mi ha dato nux vomica cp 3 volte al di ma non funzionava, allora ha sostituito il tutto con Hepeel 3 volte al di forse ha detto dipende ancora dal fango biliare. Attualmente la bile risulta limpida dall'ecografia ma dopo mangiato mi brucia sempre lo stomaco. Dalla gastroscopia non risulta nulla solo una lieve flogosi. Mi potrebbe indicare qualcosa che mi aiuti con questa gastrite oramai credo cronica? Saluti Chiara Valarani

[#1] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

inserirsi via web con una prescrizione specifica in un quadro come il suo sarebbe molto parziale e l'errore facilissimo, oltre che non consentito.
Non esiti a riproporre il quesito al suo curante; siamo abituati a seguire costantemente l'evoluzione delle condizioni cliniche del paziente per suggerire volta per volta il medicinale più indicato al problema da trattare.

Cordialmente.
Dr. Riccardo Ferrero Leone
Omeopatia-Omotossicologia-Nutrizione clinica