L'area di Medicina non Convenzionale è riservata ai soli perfezionati in tali discipline, quindi non sarà possibile ricevere risposte da altri specialisti. Teoria e pratica delle discipline di Medicina non Convenzionale ad oggi non sono ancora sostenute da sufficiente sperimentazione scientifica e sono disciplinate dal codice di deontologia medica (art. 15)

Utente 284XXX
Buongiorno,
pratico regolarmente ciclismo e, da circa un mesetto, ho un dolorino discontinuo nella piega del braccio sinistro. Durante le sessioni di allenamento non avverto alcun dolore e nemmeno dopo l'allenamento però durante la giornata avverto questo dolorino al braccio, sia piegando che distentendo, e arriva soprattutto dopo qualche ora da fermo alla scrivania o sul divano.
Suppongo si tratti di una infiammazione al tendine che non so spiegare ma, prima di passare ad eventuali cure farmacologiche che prevedono antibiotici e antinfiammatori, vorrei provare qualcosa di naturale, cosa mi consigliate ?

Segnalo soltanto una avvenimento che non so se associare all'infiammazione: nel mese di novembre mi ribaltai dalla bici su un sentiero pieno di pietre, ne conseguirono alcuni lividi sul petto e gambe, dolore ad entrambe le spalle (soprattutto la destra) e qualche escoriazione. Dopo una settimana di riposo ripresi tranquillamente ad andare in bici con qualche dolorino ma via via sempre più lieve.

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile signore,
non è possibile stabilire a distanza se l'ipotesi di una condizione infiammatoria sia corretta e il pregresso trauma potrebbe orientare diversamente.
E' necessario pertanto che un medico, visitandola, possa avere un orientamento diagnostico corretto.
In omeopatia per i traumi e le condizioni postraumatiche viene spesso impiegata l'arnica; tuttavia per la adeguata diluizione da impiegare e per la frequenza di somministrazione è necessaria la visita medica.
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.