L'area di Medicina non Convenzionale è riservata ai soli perfezionati in tali discipline, quindi non sarà possibile ricevere risposte da altri specialisti. Teoria e pratica delle discipline di Medicina non Convenzionale ad oggi non sono ancora sostenute da sufficiente sperimentazione scientifica e sono disciplinate dal codice di deontologia medica (art. 15)

Utente 412XXX
Salve, sono affetta da PCOS e cerco una gravidanza da un anno e mezzo. I miei cicli sono molto lunghi (50/60 gg) e ho provato a fare stimolazioni con Clomid (due cicli ma il follicolo non arriva mai a maturazione) e due cicli di Gonal F in cui ho ovulato ma non sono rimasta incinta. Abbiamo fatto atri esami sia io che mio marito ed è tutto ok. Il mio ginecologo giustamente mi dice che non può bombardarmi di ormoni facendo ancora tentativi "naturali" ma dovremmo pensare ad una fecondazione assistita. Io ancora non accetto questa idea perchè cmq due soli cicli ovulatori mi sembrano pochi x arrendermi ma capisco che non posso assumere sempre ormoni. Facendo una ricerca su internet ho scoperto di rimedi omeopatici in grado di stimolare le ovaie in maniera, credo, non dannosa x l'organismo e vorrei tanto provare ma non saprei da dove cominciare. Ho letto di granuli di Follicolinum e Ovarinum oppure gocce di Hormeel o K2F. Sono sicura che se avessi dei cicli alquanto regolari potrei avere rapporti liberamente (perchè si sa che la mente gioca brutti scherzi) e tentare ancora di concepire naturalmente. Cosa mi dice al riguardo? Secondo Lei potrei provare questi medicinali per conto mio senza essere monitorata dal ginecologo (al massimo userei gli stik)? C'è il rischio, come x il Clomid o Il Gonal, di andare in iperstimolazione? Grazie a chi vorrà rispondermi.

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile signora,
i farmaci da lei citati sono utilizzati frequentemente per la regolazione endocrina del ciclo; tuttavia non è opportuna l'autoprescrizione (così come non è possibile una prescrizione a distanza via web): risulterebbe verosimilmente inefficace.
E' necessario che sia visitata da un medico esperto in omeopatia/omotossicologia, che possa formulare la terapia sulla scorta delle caratteristiche individuali.
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#2] dopo  
Utente 412XXX

Buongiorno dottore, la ringrazio per la risposta. Sono già stata da un'omeopata del mio paese ma non ho risolto granchè. Mi ha prescritto una dieta disintossicante senza latte vaccino e derivati, grano, pomodori, patate, dolci, alcolici e carne, dei depurativi da diluire in acqua da bere durante la giornata e Hyphopysis Suis Injeel una fiala a settimana ma mi sta facendo lo stesso effetto del Clomid, ossia si era creato un follicolo ma arrivato a 16 mm si è fermato. Ho letto su internet di tante donne che hanno risolto con i granuli di Follicolinum e Ovarinum, sia prescritti dai medici che presi di loro iniziativa. La dottoressa a cui mi sono rivolta mi ha detto che è presto ancora e che per dire che non funziona devo finire le dieci fiale di Hyphopysis (ne ho fatte 5 al momento). Condivide?

[#3] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2007
Gentile signora,
l'impostazione effettuata dalla dottoressa che ha avuto modo di visitarla mi sembra in linea con gli obiettivi; io, personalmente, sono un po' meno rigido nei divieti alimentari.
Purtroppo la valutazione di efficacia richiede tempi non brevi, in considerazione del fatto che l'evoluzione di un solo ciclo mestruale si svolge nell'arco di un mese. Se possiamo delineare uno standard di valutazione, bisognerà verificare i cambiamenti - anche con le determinazioni delle analisi ormonali su sangue -dopo almeno tre mesi di terapia.
Sul risultato concreto dopo assunzione per iniziativa autonoma del paziente di farmaci omeopatici/omotossicologici per questo argomento (che presenta più variabili di quanto sembrerebbe), le ribadisco ancora i miei fortissimi dubbi.
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.