L'area di Medicina non Convenzionale è riservata ai soli perfezionati in tali discipline, quindi non sarà possibile ricevere risposte da altri specialisti. Teoria e pratica delle discipline di Medicina non Convenzionale ad oggi non sono ancora sostenute da sufficiente sperimentazione scientifica e sono disciplinate dal codice di deontologia medica (art. 15)

Utente 624XXX
Buon giorno! Sono affetta da Paralisi di Bell da circa 2 mesi, la situazione sta lentamnte migliorando ma ho dovuto prendere il cortisone che mi ha provocato non pochi effetti collaterali. Ho sentito parlare di Ribes Nigrum come sostituto del cortisone, volevo chiederle se è consigliabile nella mia patologia o se c'è altro che possa sostituire il cortisone e se si in che dosi (ho visto infatti che il Ribes si vende in gocce). Altri mi hanno parlato di dieta chetogena per aumentare il cortisolo, ma credo che allora tanto equivale ad assumere il cortisone..spero in vostre risposte! Grazie!

[#1] dopo  
79426

Cancellato nel 2010
Gentile utente, sicuramente in medicina non convenzionale vi sono molti prodotti che la potrebbero aiutare e ribes nigrum è solo uno tra i tanti. La prescrizione va sempre fatta in base alla persona nella sua totalità e non sulla base del nome della malattia. E' quindi necessaria una visita diretta con un medico esperto che le saprà consigliare il prodotto a lei più idoneo in sostituzione del cortisone.

Cordiali saluti
Dr. Tancredi  Ascani
Medico omeopata unicista

www.omeosan.it

[#2] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

il Ribes nigrum tanto in foglie quanto come gemmoderivato ha proprietà antinfiammatorie, antireumatiche e diuretiche (le foglie). E' indicato in tutte quelle condizioni cliniche in cui giova stimolare la corteccia surrenale (produzione di cortisolo) ed esprime azione antinfiammatoria diretta grazie alla componente in antocianine e flavonoidi. I dosaggi di Ribes n. in T.M. o in M.G. variano da soggetto a soggetto ed in funzione dell'acuzie della malattia; anche se definito come principio attivo simil-cortisonico consideri che la potenza antinfiammatoria non è sovrapponibile a quella del cortisone e l'assunzione è consigliabile solo se il quadro clinico è in netta via di risoluzione.
Può integrare anche con omeopatici ed omotossicologici specifici per i processi flogistici del tessuto nervoso; per la prescrizione farmacologica purtroppo non posso aiutarla perchè esula da questo contesto.
Le invio cordiali saluti.
Dr. Riccardo Ferrero Leone
Omeopatia-Omotossicologia-Nutrizione clinica