L'area di Medicina non Convenzionale è riservata ai soli perfezionati in tali discipline, quindi non sarà possibile ricevere risposte da altri specialisti. Teoria e pratica delle discipline di Medicina non Convenzionale ad oggi non sono ancora sostenute da sufficiente sperimentazione scientifica e sono disciplinate dal codice di deontologia medica (art. 15)

Utente cancellato
Salute a tutti,

ho un quesito che spero possa stimolare i medici più preparati.

Mi è stato prescritto l'oganoterapico "Tunica Mucosa Intestino Tenue GL D15" da assumere come iniezioni subcutanee. Ho notato che pochi secondi dopo aver fatto l'iniezione la zona della puntura si arrossa. Questa reazione non mi è mai capitata con le numerose altre fiale di organoterapico assunte in passato.

A questo punto devo aggiungere altri 3 elementi prima di fare due domande:
1) Ho un deficit di IgA (<5.5 con range 70 - 400)
2) Anticorpi anti muscolo liscio (ASMA) positivi 1:80.
3) L'anno scorso, dopo aver preso Silicea D200 per 2 mesi le IgA erano salite a 13 (range 70 - 400). Non credo che il medico che mi segue se ne sia accorto.

Adesso vi chiedo:

1) E' possibile che la reazione verso l'organoterapico sia la manifestazione di una reazione auto-immune verso le cellule della mucosa dell'intestino tenue? E se questo è il caso, si potrebbe dedurre che il deficit di IgA deriva (in parte o in toto) da questa auto-immunità?

2) C'è qualche esame (convenzionale e non) che potrei fare per capire cosa causa questa auto-immunità? Anticorpi anti digiuno? Anticorpi anti cellule parietali gastriche (APCA)?

Ringrazio in anticipo per l'aiuto.

[#1] dopo  
10161

Cancellato nel 2009
Certamente, il medico ha constatato l’aumento delle IGA, ma ancora il valore è sempre basso e per questo ha pensato opportuno di prescrivere "Tunica Mucosa Intestino Tenue GL D15", che come prodotto omotossicologico, organo terapico, non può produrre autoimmunità, ma nemmeno allergia. Questi prodotti sono estremamente purificati, diluiti e dinamizzati con la procedura della farmacopea tedesca.
Per l’arrossamento, deve considerare molti altri parametri locali, il prodotto che ha usato per la disinfezione, il sapone, i vestiti……….
La diminuzione delle IGA potrebbe derivare dalla autoimmunità ma non certamente causata dal prodotto, che è stato prescritto secondo il principio omotossicologico, di stimolo sull’organo a ricostituire le cellule distrutte.
Ha già “Anticorpi anti muscolo liscio (ASMA) positivi 1:80.”, sicuramente, il collega le avrà spiegato i meccanismi per cui si verifica la produzione di anticorpi, quale agente patogeno potrebbe aver innescato il meccanismo autoimmune, mimetismo molecolare, per cui gli autoanticorpi vengono prodotti. Nel suo caso, potrebbe essere l’Helycobacter Pylori, come altri agenti patogeni; nei consulti da lei richiesti, ha descritto una prostatite, cistite, vaccinazione per epatite B, fasciola epatica, presenza di Epstein Barr, Chlamydia, Mycoplasmi; basterebbe tutto questo a spiegare il suo deficit di IGA.
Da quanto lei ha espresso in tutti i consulti, il medico che lo segue ha eseguito un ottimo lavoro, conducendolo progressivamente verso un funzionamento regolare e fisiologico del suo organismo, ancora non ha raggiunto la piena efficienza, ma lei ha dimostrato di aver raggiunto un buon miglioramento, rispetto all’inizio.
Gli esami li ha già eseguiti, può continuare effetttuando quelli esami che il collega che la sta seguendo, le può consigliare.


Alberto Moschini
alberto.moschini@fastwebnet.it


[#2] dopo  
73116

dal 2011

In realtà il retroscena è che durante una visita ad inizio anno avevo l'intestino tenue infiammato e con l'EAV era stato verificato e poi prescritto ILEUM GL D15 e JEJUNUM GL D15. Purtroppo quest'ultimo si è rivelato fuori produzione, quindi ho chiesto informazioni al produttore/distributore e mi hanno detto di testare Tunica Mucosa Int. Ten, per cui alla visita successiva ho fatto la segnalazione al medico che effettivamente ha trovato la "tunica mucosa" infiammata D15.

Circa l'arrossamento, escludo categoricamente qualunque tipo di fattore esterno "contaminante". Le siringhe, il cotone, il bialcol usato sono gli stessi (è tutto usa e getta, non fraintendete!) e questo fenomeno si verifica SOLO con queste fiale. Inoltre stiamo parlando di 5 arrossamenti su 5 fiale iniettate. Vedremo le altre 5.

Vedo solo due ipotesi, ma interessanti:

1) le fiale di questa confezione hanno dei problemi.

2) c'è una reazione del corpo contro questi frammenti che dovrebbero essere simili alla mia "tunica mucosa". Visto il deficit di IgA e i "villi di spessore ridotto" evidenziati dalla biopsia che ha escluso la celiachia manifesta, direi che è una situazione compatibile.

Ho contattato il medico e mi ha dato vari esami del sangue per auto-anticorpi. Sarà interessante provare una nuova scatola/diluizione di questo rimedio e vedere quale delle due ipotesi si confermerà veritiera.

Vi terrò informati.

[#3] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Le ipotesi sono interessanti, ci faccia sapere.

Cordialmente.
Dr. Riccardo Ferrero Leone
Omeopatia-Omotossicologia-Nutrizione clinica

[#4] dopo  
10161

Cancellato nel 2009

Purtroppo, i farmaci che erano prescrivibili ieri, lentamente non li producono più, per le opposizioni che vengono effettuate nei confronti della omeopatia, omotossicologia, organoterapia; ditte importanti come Wala e Stauphen, che hanno prodotto sin dall’inizio i farmaci specifici per l’ElettroAgopuntura secondo Voll, quindi con grande esperienza, non possono più produrli, così i medici che effettuano questa metodica si trovano orfani di quei farmaci essenziali. Tunica mucosa è una parte dell’intestino, ma non tutto completo, quindi esiste una certa differenza; occorre accontentarsi.
I farmaci sono estremamente purificati, inoltre i componenti sono diluiti e dinamizzati secondo la farmacopea tedesca che è molto attenta alla loro produzione; non dipende assolutamente dal farmaco.
Il principio con cui questi farmaci hanno un effetto terapeutico è omeopatico quindi non possono essere applicate supposizioni convenzionali. Il ragionamento clinico con cui vengono prescritti è essenziale ed è strettamente omeopatico ed omotossicologico.
Se i villi intestinali sono "villi di spessore ridotto" qualche causa lo produce, viene esclusa la celiachia, ed è questo il lavoro che sta eseguendo il medico che la sta seguendo. Il ragionamento clinico che sta utilizzando è corretto, ma noto che lei vuole applicare il suo, costringendo il collega ad effettuare controlli che esulano dal ragionamento clinico che deve essere applicato all’ElettroAgopuntura secondo Voll, quindi non vengono accertate esattamente le cause che determinano la sua problematica. Ogni domanda che lei pone in questo sito segue un suo ragionamento, che spazia senza una precisa argomentazione e riflessione, che è completamente diverso da quello effettivo clinico; lei parte dalla fine per giungere all’inizio, gli esami non fanno la diagnosi, ma questo non è corretto, soprattutto in medicina integrata e complementare, dove è essenziale l’analisi dell’organismo nel suo insieme e soprattutto in ElettroAgopuntura secondo Voll, dove viene eseguito un ragionamento clinico integrato con la medicina convenzionale, correlando i vari meridiani di agopuntura, per cui essenziale è l’accertamento dello stato dei diversi punti di agopuntura che il dottor Voll ha collegato con organi ed apparati. Il meridiano dell’Intestino tenue è correlato con altri, tutti questi devono essere portati alla normalità con i nosodi, estratti di organo e farmaci.
Alberto Moschini
alberto.moschini@fastwebnet.it


[#5] dopo  
73116

dal 2011

Circa gli organoterapici, la OTI ha in produzione fiale per tutte le parti dell'intestino, anche quelle non più prodotte da Wala e Heel (Digiuno, Ceco, etc). Non so se la qualità dei preparati è uguale a quelli della Wala.

---------


"; non dipende assolutamente dal farmaco."

Quale è il soggetto di questa frase?