Utente 143XXX
Buona sera vi scrivo per un consulto che mi mette molta ansia.
Mio padre ha fatto degli esami consigliati dal nefrologo perche ha avuto 3 mesi fa una brutta prostatite. i risultati che mi preoccupano molto sono le proteine totali nelle urine che sono 967 e la creatinina 1.67. sono molto preoccupata potrebbe essere qualcosa di grave? potrebbe avere un infezione? vi prego aiutatemi. GRazie in anticipo per il tempo che dedicherete.
Dimenticavo mio padre prende la pastiglia per la pressione alta. Grazie

[#1] dopo  
Dr. Filippo Mangione

28% attività
4% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
Sarebbe da valutare se persista ancora un'infiammazione delle vie urinarie, che potrebbe elevare il valore di proteinuria.

E' comunque presente un'alterazione della funzione renale, che deve essere riferita ad un nefrologo.
Lo faccia in accordo con il suo medico, senza alcuna ansia.

Saluti
Dr. Filippo Mangione
Specialista in Nefrologia
Dirigente Medico - Fondaz. IRCCS Policlinico S. Matteo - Pavia

[#2] dopo  
Utente 143XXX

ma potrebbe trattarsi di patologie gravi con questi valori ? La ringrazio molto per la sua celere risposta.

[#3] dopo  
Dr. Filippo Mangione

28% attività
4% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
Sicuramente si tratta di un'alterazione della funzione renale (insufficienza renale). Non è cosa che metta nell'immediato a rischio di vita; tuttavia suo padre deve essere indirizzato sicuramente ad un nefrologo.

Saluti
Dr. Filippo Mangione
Specialista in Nefrologia
Dirigente Medico - Fondaz. IRCCS Policlinico S. Matteo - Pavia

[#4] dopo  
Utente 143XXX

Ma potrebbe essere una problematica temporanea che poi con una cura potrebbe guarire? da cosa possono derivare questi valori? pressione alta? noi in famiglia non abbiamo mai avuto problemi di insuffficenza renale. La ringrazio tanto per la sua gentilezza.

[#5] dopo  
Dr. Filippo Mangione

28% attività
4% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
Gentile Signora,

non ho le capacità per indovinare a distanza quale possa essere il problema di suo padre.

Credo che il comportamento più corretto sia andare da uno specialista nefrologo che inquadri anamnesticamente, clinicamente, laboratoristicamente e strumentalmente la situazione di suo padre.

Saluti
Dr. Filippo Mangione
Specialista in Nefrologia
Dirigente Medico - Fondaz. IRCCS Policlinico S. Matteo - Pavia