Utente 250XXX
Buon giorno sono la mama di un bimbo di 2 ani,che e nato con litiasi renale sx ,durante l"ecografia all eta di 1 mese riscontro di microlitiasi 1 cm e 6,4mm al giunto pielo- caliceale,calciuria 0,33 creatinina0,57mg\dl azotemia40mg\dl.Vorei sapere si e ipercalciuria ,e si e necesario non asumere piu latte al mio figlio,laticini,che ovio mi sembra presto (eliminare il latte ) visto che e ancora picollo e mi lo chede,la dotoressa mia proibitto.Come mi devo comportare?

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,
per prima cosa, dovrebbe precisarci l'unità di misura della calciuria (lo può desumere dal referto del laboratorio), perchè questo valore di 0.33 non appare coerente con l'ambito di risultati che è verosimile attendersi. Al di là di questo dettaglio, direi che è assolutamente opportuno che la situazione venga valutata da un nostro collega urologo, poichè si tratta di calcoli già abbastanza grandi e si dovrà seriamente pensare di rimuoverli. Inoltre, sarebbe anche opportuno che la situazione sia giudicata da un nefrologo pediatra, poichè la formazione di calcoli nella prima infanzia è spesso legata a problemi renali di un certo impegno e che sono da valutare al più presto. Il possibile ruolo del calcio assunto con gli alimenti nella formazione dei calcoli ha perso molto di importanza oggi rispetto al passato. Limitare drasticamente il calcio (latte e derivati) durante l'accrescimento mi pare sinceramente pericoloso e comunque è appunto il nefrologo l'unico specialista in grado di decidere con la massima competenza. Si è scoperto che le cause della formazione dei calcoli sono molto complesse e non è certo la semplice riduzione del calcio a poter risolvere il probelema.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 250XXX

Salve,intanto grazie per la pronteza de la risposta, mi scuzi,no ho specificatto prima che mio figlio e gia seguito di un nefrologo pediatra in mia zona, dal 1mese dopo la nasita,pero il mio dubio e arivatto quando il nefrologo del mio figlio e andato in altro ospedale e adeso mi segue un altro nefrologo ,tale fatto che a creatto a me una confuzione totale, dicendomi dopo la sua visita di eliminare i latticini e derivatti,e il vechio mio nefrologo(del mio figlio)fine a tale data no mia detto di eliminare il latte pero di asumere sollo 500ml /giorno compreso fomagi iogurt etc. durante la gionata.Ultimi esameni sono questi:Funzione renale creatinina 0,57mg\dl , urea 40mg\dl, Ac. urico 3,3mg%. Clearance della reatinina(f. di Schwarz):83ml\min\1,73mq. Esamene urine: pH5,5P.S. 1005, glucosio:0 msg\dl, sangue:0mg\dl Proteine:0mg\dl Eamene di urine a microscopio:negativo(rarsisimi cristalli amorfi) Equilibrio acido- base :pH7,35; HCO3 24mmol\L; B.E. 1,2mmol\L ; Calciuria\Cr.u 0,33(v.n<0,25) Uricuria\Cr.ux cr.0,53 (v.n<0,56). Ultima ecografia 26\04\2012 L"attuale indagine ecografica di controllo conferma reni in sede propria,regolari per la grandeza(diametro longitudinale circa 6,3cm) ed ecostrutura senza senza imagini riferibili a lesioni focali di rilievo.In corrispondeza la rene sinistro si conferma la prezenza di formazione littiasica a stampo in corispondenza della pelvi di circa un centimetro di diametro.Coesistono piccole formazioni ecogene di natura microlitiasica in corispondenza del gruppo calliceale medio-inferiore, la magiore di circa 3mm di diametro. Atualmente si conferma assenza di dilatazione delle vie urinarie superiori.In sede pelvica vessica scarsamente repleta.Monitoraggio in base alla evoluzion e clinica.Mio figlio a fatto e fa regolarmente oni 6 mesi visitte e analissi sangue e urina,spero che la risposta sia utile dottore. Come mi devo comportare per il futuro ,che devo fare per eliminare (si e il casso )i calcolli? Mio figlio per adeso asume con la prescrizione del dott. nefrologo BIO Kmag. 1\2 bustina a giorno. Grazie per la comprensione e gentileza.A PRESTO

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signora,
la ringrazio dei dettagli ulteriori. Il suo bimbo manifesta certamente una lieve ipercalciuria, che può essere una causa, ma difficilmente la sola, della formazione del calcolo. Nell'adulto, nell'ipercalciuria si consiglia una dieta a normale contenuto di calcio, quindi senza esagerare, ma neanche deprivare completamnete. Nei bimbi non le so precisare, ma ritengo che non ci si potrà discostare di molto. Le consiglio di risentire un altro parere nefrologico. Invece sono certo che si debba comunque pensare di rimuovere il calcolo in qualche modo. in effetti vi sono pochi centri in cui vi sia particolare esperienza. le consiglierei di consigliarsi con il suo pediatra. io saltuariamente ho trattato dei bambini, ma non così piccoli. Direi infine che il BioK sia una buona terapia per il momento.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing