Utente 196XXX
Salve,
da esami di routine delle urine sono emersi due valori alterati:
Urobilinogeno (33 umol/L)
abbondanti ossalati di calcio
(età 31, donna)

Ovviamente non chiedo una diagnosi, vista l'esiguità di dati a disposizione, ma solo la via diagnostica migliore da seguire nel mio caso.

in attesa di un Vs gentile riscontro porgo cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Filippo Mangione

28% attività
4% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
Buongiorno,
l'ossalato di calcio è un sale che spesso è responsabile della formazione di calcoli renali.
Sarebbe quindi utile sapere se lei ha familiarità per questo fenomeno; se ha mai avuto coliche renali o presenza di evidente sangue nelle urine. Anche in accordo con il suo medico, sarà da valutare l'opportunità di un'ecografia renale.
Nel frattempo, la cosa migliore da fare è bere molto per diluire questi sali; dovrebbe bere una quantità di acqua tale da urinare 1500-2000 ml al giorno. Le acqua con basso residuo fisso sono da preferire.
La presenza di urobilinogeno può essere espressione di alcune malattie del fegato (che però producono ben altre e più evidenti alterazioni degli esami del sangue!!), ma anche essere un reperto assolutamente normale (la reazione per misurare l'urobilinogeno dipende dal pH delle urine).

Saluti
Dr. Filippo Mangione
Specialista in Nefrologia
Dirigente Medico - Fondaz. IRCCS Policlinico S. Matteo - Pavia

[#2] dopo  
Utente 196XXX

Buonasera Dr. Mangione,
grazie innanzitutto per la risposta.
Negli esami a cui facevo riferimento risultano presenti anche corpi chetoni (0,5), proteine (0.15) e un peso specifico pari a 1.030. ph 5 e aspetto torbido.
Crede sia opportuno fare emocromo e transaminasi come consigliato dall'analista?
Cordiali saluti e ancora grazie

[#3] dopo  
Dr. Filippo Mangione

28% attività
4% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
L'analista ha giustamente consigliato gli esami che lei dice per escludere una malattia del fegato o una emolisi.
Sono esami banali, credo che possa farli in tutta tranquillità.
Saluti
Dr. Filippo Mangione
Specialista in Nefrologia
Dirigente Medico - Fondaz. IRCCS Policlinico S. Matteo - Pavia