Utente 272XXX
Ho 48 anni non ho mai avuto problemi di salute e sono donatote di sangue
Da circa un anno alle donazioni di sangue rilevavano un colesterolo sempre in rialzo (400) mentre l'ipertensione veniva associata allo stress lavorativo (agricoltore)
Ho trattato l'ipercolesterolemia e l'ipertensione solo con la dieta.
L'esordio della mia malattia risale a cieca 6 mesi fa quando mi sono accorto di edemi agli arti inferiori associati ad una pressione arteriosa molto alta.
Sono affetto da glumerosclerosi focale diagnosticata con biopsia renale ho iniziato il trattamento con steroidi: x 3 giorni in vena 1 g. e poi 50 mg. x os al terzo mese le proteine erano 3.6g nelle 24 ore e al quarto mese sono salite a 5.7g
Il mio specialista mi ha consigliato di sospendere scalando lo steroide x 6 settimane e poi di passare a nuova terapia
Un secondo specialista da me contattato sostiene che i protocolli da utilizzare per la mia patologia sono di 75mg di steroidi (in proporzione con il peso )per un periodo non inferiore hai 6/7mesi .DOMANDA: qual'è il corretto dosaggio di steridi? per quanto tempo va mantenuto tale dosaggio?
qual'è il farmaco di seconda scelta?
anticipatamente ringrazio

[#1] dopo  
Dr. Remo Luciani

32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Prenota una visita specialistica
Egregio Utente,
la patologia da cui siete affetto è una patologia caratterizzata dalla presenza di elevate quantità di proteine nelle urine (sindrome nefrosica).Di solito si utilizza un ciclo di terapia steroidea come da voi eseguito utilizzando tre boli di metilprednisolone da 1 grammo die seguiti da una terapia steroidea per os di prednisone a 1-1.5 mg/kg/die;il trattamento va continuato per sei mesi al fine di valutare risposte tardive alla terapia. I farmaci di seconda scelta sono : ciclosporina,/tacrolimus,azatioprina/ciclofosfamide,micofenolato mofetile.Sono descritti casi trattati con farmaci biologici (rituximab) ma non hanno ancora un'evidenza forte dietro e sono descritti casi trattati con cicli di plasmaferesi.L'offerta terapeutica è vasta ma va inquadrata e gestita all'interno di una patologia complessa.Concordo quindi con quanto affermato ddal secondo specialista.
A disposizione per chiarimenti porgo cordiali saluti
Dr. Remo Luciani

[#2] dopo  
Utente 272XXX

la ringrazio per la tempestività della sua risposta e per i contenuti molto esaustivi grazie