Utente 819XXX
Per una fortissima carenza di vitamina D3 e calcio, dovute presumibilmente ad una dieta squilibrata, mi è stata fatta la seguente prescrizione: DIBASE 300000 ogni 6 mesi-DIBASE 10000 25 gocce a settimana-REOCALCIUM giornalmente e questo per 6 mesi. Ad agosto andrò in vacanza in Egitto (dove gli ospedali non brillano per igiene e competenza) e volevo sapere se la terapia indicata possa predispormi ad episodi di calcolosi renale o disfuzioni sempre a carico dei reni.
Dato che stavo cercando una gravidanza, dati gli effetti teratogeni dei farmaci indicati e le mie inesistenti riserve di calcio e vit.D3, dovrei sospendere i tentativi fino a fine cura?
Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Remo Luciani

28% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2012
Prenota una visita specialistica
egregia signora,
la presenza di una terapia con vitamina d ad alte dosi può predisporre in caso di concomitante ipercalcemia e di ipercalciuria alla comparsa di calcolosi renale. Il consiglio è quello di assumere non meno di 2,5 litri di liquidi al dì al fine di ridurre l'eventualità di una sovrasaturazione delle urine con il calcio. A maggior ragione tale indicazione vale se vi recate in un paese molto caldo in cui le perdite di liquidi sono maggiori. In merito alla teratogenicità del colecalciferolo essa è descritta solo in caso di sovradosaggio;a mio parere,vista la grave situazione ossea che descrivete potrebbe essere utile un abbassamento della terapia magari lasciando una piccola dose di Dibase in gtt con somministrazione settimanale solo nel periodo della gravidanza. ne aprli con il ginecologo per le indicazioni del caso.
un cordiale saluto
Remo Luciani
Dr. Remo Luciani

[#2] dopo  
Utente 819XXX

La ringrazio molto per l'esauriente risposta.
Cordiali saluti.