Utente 295XXX
Salve, mia figlia di 14 anni, lo scorso anno, dopo una febbre, ha avuto una consistente macroematuria. Dopo essere stata visitata in 4 ospedali diversi(Sicilia), e dopo la presunta diagnosi di pielonefrite o glomerulonefrite, hanno optato per la glomerulonefrite. La funzionalità renale non è compromessa, nessuna alterazione della pressione arteriosa, nessun gonfiore agli arti, niente di niente. Analisi del sangue nella norma, mentre nelle urine, dopo i vari controlli lieve microematuria, questo fino all'altro ieri. Ieri invece, 23 febbraio, accusa uno stato di malessere e si presenta la febbre e puntualmente di nuovo la macroematuria, prima con colore coca cola e poi rossa. Oggi niente febbre. Il 19 febbraio, pochi giorni prima della febbre, aveva effettuato, oltre gli esami delle urine, anche quelli del sangue, chiedendo pure il dosaggio della vitamina D e dalle analisi risulta fortemente carente di vitamina D, ovvero con il valore di

[#1] dopo  
Dr. Remo Luciani

28% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2012
Prenota una visita specialistica
Egregio Utente,
le informazioni da Lei riferite non permettono un chairo inquadramento della problematica;sembrerebbe un quadro di glomerulonefrite intraifettiva ma i dati sono troppo pochi. Provate a reinviare quesito con informazioni più precise,solo così potremo aiutarla.
Cordialmente
Dr. Remo Luciani

[#2] dopo  
Utente 295XXX

Salve, chiedevo solo se una forte carenza di vitamina D, ovvero < 4 ng, possa mettersi in relazione con questa patologia, ovvero glomerulonefrite, che si manifesta solo con la macroematuria. Nelle urine non ci sono batteri. Certamente può essere un'infezione virale, ma non tutti, mi sembra, che i soggetti che si beccano l'influenza, presentano la macroematuria! Per cui chiedo gentilmente, se una forte carenza di vitamina D, possa far " impazzire" il sistema immunitario e quindi infiammare i reni. Grazie.