Utente 526XXX
Buonasera mio figlio già in epoca neonatale aveva una dilatazione bilaterale di 5 e 6 mm, successivamente nasce alle 34 settimana per iugr, alla eco dei 3 mesi anche reni dilatazione sx di 13 mm dx ok, nel mese si gennaio a mio figlio viene la febbre a 37.8 con un episodio di vomito vado dal pediatra mi manda in ospedale per sospetto ivu successivamente confermata in ospedale ricovero con terapia di amikacina 7 gg proseguita a casa con isocef, ecografia fatta in ospedale referto: reni in sede, marcata dilatazione ampolla pelvica e d tutti i calici con riduzione dello spessore cortico-midollare(3.6 mm) sgpu? Diametro longitudinale rene sx 68.1 mm. Uretere iuvtavescocali non visualizzabili. Vescica parzialmente distesa senza apprezzabili alterazioni a carico della parete. Urina corpuscolata. C: idrofrenosi di 4 grado sx.
Successivamente visita specialistica con cistosonografia con il seguente referto :
L'esame è stato effettuato in condizioni basali e dopo somministrazione per via retrograda di soluzione acquosa di Sonovue di (1ml / 100 ml di salina). Lo studio urosonografico è stato effettuato in tempo reale, durante il progressivo riempimento della vescica sino a raggiungere la massima distensione attesa per età. E' stato effettuato studio durante minzione.
RENE dx:
In sede,di regolari dimensioni (DL= 52 mm) e con regolare spessore cortico-midollare. Non dilatazione delle cavità calico-pieliche. Dopo la somministrazione del contrasto non si evidenzia RVU.
RENE sn
In sede, di dimensioni aumentate (DL = mm 71). Si documenta marcata dilatazione delle cavità calico-pieliche (diametro antero-posteriore del bacinetto renale circa 30 mm), con consensuale marcato assottigliamento dello spessore parenchimale. Non visualizzabile l'uretere omolaterale.
Il reperto ecografico depone per stenosi del giunto pielo-ureterale. Non si dimostra presenza di RVU.
Il 28-2 facciamo scintigrafia renale sequenziale con test al lasix, il nefrologo ci prospetta intervento da valutare dopo la scintigrafia anche valutando l etá al momento 5 mesi fatti il 24-2. Vorrei un vostro consiglio cosa ne pensate di questa situazione? L intervento é necessario? Vi ringrazio spero di essere stata chiara il più possibile.

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Da quel che ci riferisce, l'intervento parrebbe senz'altro necessario ed anche con una certa sollecitudine. Le consigliamo di prendere al più presto contatti con una struttura di urologia pediatrica, non ve ne sono molte, ma i medici che stanno seguendo il caso sapranno consigliarvi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing