Ernia del disco espulsa

Salve a tutti, sono un ragazzo di 22 anni e da circa 2 anni e mezzo ho una grossolana ernia espulsa in L5 S1 che non mi provoca particolari problemi, gioco persino a calcio. Ho contattato 2 neochirurghi, 1 di loro vorrebbe operarmi in quanto l'ernia potrebbe calcificarsi e crearmi grossi problemi in futuro; l'altro invece mi ha detto di aspettare e provare a vedere se l'ernia diminuisce il suo volume.

Ribastico che non ho dolori e disturbi di alcun tipo.

Io vorrei un consiglio anche perche' pscologicamente sono a pezzi!

Dovrei operarmi? L'ernia calcificata potrebbe crearmi dei grossi problemi? L'operazione e' difficile?
Spero rispondiate in numerosi perche' vorrei più pareri!
Grazie e tutti
[#1]
Dr. Paul Tenenbaum Neurochirurgo 160 5
In assenza di sintomatolgia dolorosa,anche in considerazione della sua giovane età,a mio parere, non c'è indicazione all'intervento.
La sua attenzione e quella dei suoi medici "curanti" deve però essere indirizzata al "monitoraggio" clinico e soprattutto radiologico(con rmn) dello "stato" del disco intervertebrale L5-S1 e di quelli adiacenti: nel tempo si potrebbe instaurare una discopatia degenerativa che potrebbe essere la causa di una alterazione del segmento di moto interessato a sua volta responsabile di una sintomatologia caratterizzata da lombalgia cronica.
Comunque questo lo si vedrà negli anni e analizzando le RMN che Lei dovrebbe eseguire annualmente:nel frattempo faccia la sua normale vita.
Cordiali saluti
Paul Tenenbaum
paulten@tin.it

Paul Tenenbaum

[#2]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Sono sostanzialmente d'accordo con i collega dr.Tenenbaum, ma sarebbe interessante sapere per quale motivo ha eseguito l'esame attraverso il quale è stata diagnosticata l'ernia del disco.
Mi permetto di consigliare (al successivo controllo) la RMN con gadolinio al fine di valutare la presenza o meno di segni di infiammazione della radice e clinicamente valutare se si colgono segni deficitari della forza muscolare alla gamba e piede eventualmente interessati.
Spesso l'assenza di dolore non vuol dire assenza di possibili danni alla radice nervosa deputata a "nutrire" i muscoli da essa dipendenti.

Cordialità
[#3]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dottore la 1° RMN l'avevo effettuata perchè avevo un forte dolore alla gamba sinistra.
Una volta ritirato l'esito della RMN il mio medico curante si è accorto di questa grossolana ernia espulsa.
Sucessivamente ho effetuato un ciclo di punture con esito molto positivo, infatti il dolore è totalmente sparito.
A distanza di 1 anno ho eseguito un ulteriore RMN in cui l'esito diceva che l'ernia era dimuia rispetto alla RMN precedente

Io sono di Milano, conoscete un bravo medico in grado di visitarmi e prendere una decisione definiva? Se operare o meno.

Grazie mille per le vostre risposte.
[#4]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Se vuoi puoi telefonarmi ed eventualmente mostrarmi queste Risonanze per capire bene la situazione attuale.

Dr. GIOVANNI MIGLIACCIO
Specialista in
Neurochirurgia
Azienda Ospedaliera Fatebenefratelli
C.so di Porta Nuova,23 - MILANO (MI)
Tel.: 3356320940
giovannimigliaccio@medicitalia.it
https://www.medicitalia.it/giovannimigliaccio/

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa