Utente
Buongiorno,
ho 47 anni e sono affetto dalla sindrome della cauda in esiti di ernia discale L4 L5 operata nel 2006. dopo l'operazione e tante ore di riabilitazione, sono rimasti crampi notturni al polpaccio sn e dolore simile ad una morsa sia di giorno che di notte alla caviglia e al piede sn, nonchè edema declive sempre a sn.
Inoltre sempre all'arto sinistro presento ipotrofia al tricipide surale, deficit stenico a carico dei glutei, TA, ECD e EPA (FM 4/5 ). Sensibilità alterata in L5S1S2S3S4S5.
Detto ciò volevo sapere se c'erano possibilità che questi miei continui dolori spariscano o quanto meno si affievoliscano, visto che non passa giorno senza questi sintomi, e se ci sono delle terapie che aiutino ad alleviare questi dolori.
So che questa sindrome è molto rara e parlando con il mio dottore non sa bene quale specialista consigliarmi per questi miei disagi.
Attendo Vostro cortese riscontro
Distinti saluti

[#1]  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Egr. signore,
Non è possibile,on-line, darLe un parere esaustivo.
La sindrome della cauda, mi sembra di capire, insorta a seguito di un banale intervento di discectomia, ormai è da ritenersi irreversibile.
Per la sintomatologia dolorosa è necessaria la valutazione di un neurochirurgo per escludere eventuali recidive e quella di uno specialista della terapia del dolore,solitamente un anestesista, se non ci sono soluzioni chirurgiche.

Disponibile per eventuali ulteriori chiarimenti,La saluto cordialmente
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo; Consulente medico legale
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#2] dopo  
Utente
Gentile Dott. Migliaccio
volevo ringraziarla per la tempestiva ed esaustiva risposta.
Come da lei ben capito, la sindrome della cauda è insorta dopo un intervento eseguito troppo tardi di discectomia.
Volevo solo chiederle se ritiene il caso di fare, prima di contattare un neurochirurgo, delle analisi ben specifiche o bastano le visite annuali presso un urologo e un fisiatra.
Cordialmente saluto
Maurizio

[#3]  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Contatti un neurochirurgo che, valutando il Suo caso complessivamente e direttamente, Le darà indicazioni su eventuali ulteriori esami e consulti specialistici.

Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo; Consulente medico legale
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano