Utente
Salve vorrei un consulto su una risonanza effettuata. Ho forta ansia da sempre e direi che sono abbastanza ipocondriaco , lamento tremori muscolari , il pettorale di dx non risulta come sx ( meno sviluppato) e muscoli cervicali contratti, in questo periodo sono molto stressato da vari fattori tra il quale separazione dopo 10 anni. cmq l'esito della rmn e' questo:
Atteggiamento lieve scoliosi dx convessa al passaggio cervico-dorsale
Rettificata la fisiologia lordosica cervicale.
Disidratati tutti i dischi esaminati.
Il discoin c3-c4 presenta protusione erniaria paramediana dx,di modesta entita',che determina tuttavia impronta sull'astuccio durale
Altra piccola ernia discale mediana- paramediana destra si rileva in c4-c5 con lieve impronta focale sull'astuccio durale
Inc5-c6 presente grossolana protusione concentrica del disco,paravertebrale in sede postero-laterale sn ed in sede intraforamidale dx associata a vistosi osteofiti delle superfici vertebrali contrapposte con conseguente ampia impronta osteodiscale sull astuccio durale e riduzione di ampiezza di entrambi i forami di coniugazione,fatto piu' accentuato per quello di dx
Il disco c6-c7 presenta protusione concentrica piu' accentuata in sede postero-laterale e intraforaminale dx con osteofiti relativi associati ad impronta consensuale sull'stuccio durale con riduzione dell'ampizza del forame di coniugazione.
Nei limiti l' ampiezza globale del canale rachideo.
Non alterazioni di segnale del midollo cervicale.
Questo e' quanto secondo voi e' un caso da soluzione chirurgica?
Ho molta paura anche perche' non mi considero cosi vecchio
Aiuto
l'otopedico mi ha prescritto Lyrica da75 e Muscoril piu' fisio terapia non ancora iniziata per altri problemi alle ginocchia lca.Anche la messa a fuoco mi sembra compromessa ma non vorrei fosse x il discorso che mi agito e come scritto sopra sto passando un periodo di FORTE tensione
in attesa di una vostra risposta ringrazio fin da ora

[#1]  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Egr. signore,
situazioni stressanti possono amplificare sintomi che, in altri casi, possono essere meno eclatanti e più sopportabili.
Ciò nonostante non bisogna perdere di vista lo stato organico di una patologia che va valutata nel suo insieme per trovare la soluzione terapeutica più idonea.
E' necessario quindi un accurato esame clinico, visionare con attenzione le immagini della RM perchè non tutto ciò che sembra patologico, deve essere necessariamente trattato in un modo piuttosto che in un altro.
Non Le so dire, quindi, solo sulla base del referto riportato se ci sono indicazioni chirurgiche immediate o che si possono dilazionare o se sia opportuno iniziare,con cautela, una terapia medico-conservativa.

La cautela è d'obbligo sia nelle eventuali terapie manipolative della cervicale che in quelle farmacologiche, poichè l'uso prolungato di farmaci può essere più dannoso di un rischio operatorio, veramente pressoché nullo in mani esperte.

Disponibile per eventuali ulteriori chiarimenti, Le invio cordiali saluti
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo; Consulente medico legale
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#2] dopo  
Utente
La ringrezio per la tempestiva risposta. Provvedero a fare un ulteriore visita allo scopo conservativo. Con esercizzi e terapia appropriati.
Su un eventule trattamento chirurgico la soluzione sarebbe definitiva?

Veramente GRAZIE
Cordiali saluti anche a lei

[#3]  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Il trattamento chirurgico, se è indicato, è una terapia finalizzata ad essere definitiva.
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo; Consulente medico legale
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano