Utente
Gentili Dottori,

vi scrivo perché non so più cosa fare e a chi rivolgermi. I dolori sono cominciati 3 mesi fa localizzati alla spalla destra e deltoide prima moderatamente poi aunentando d'intensita e costringendomi al pronto soccorso per ben tre volte:

1) diagnosi : periartrite voltaren+muscoril per una settimana, risultato: nullo.
2) diagnosi: cervicobrachialgia dx flectafol urbadon dobetin via intramuscolare, risultato: ennesimo attacco dopo 1 settimana
3) ricovero in ospedale, effettuati esami del sangue e raggi del torace . tutto negativo. dimesso con diagnosi di neuropatia della corda posteriore destra e delle sue radici. prescritto targin lyrica e normast.

dopo essere uscito dall'ospedale mi reco ad un controllo programmato in un altro ospedalr e la dottoressa mi effettua un infiltrazione trigger sovraspinoso destro con anestetico e mi aggiunge bentelan x 7 gg. (24 febbraio 2014) .

Mi sento bene per un mese e mi illudo di essere uscito dal tunnel ma una settimana fa ricompaiono i dolori come prima . i dolori li sento oltre che sulla spalla anche sulla scapola e spina dorsale. tutta la fascia c4-c5.

Nel frattempo in questo periodo avevo effettuato RMN rachide cervicale e RMN spalla.

RMN cervicale: corpi vertebrali regolari, a livello c4-c5 ec5-c6 i dischi presentano lieve riduzione dello spesspre con modesti allargamenti delle limittanti somatiche e minime protrusioni e pidurali.
RMN spalla: tutto nella norma.

Premesso che non vivo più da tre mesi io me mi chiedo che cosa devo fare e soprattutto vorrei capire qual è la causa di questo dolore e come risolverlo.
Mi consigliate di fare un elettromiografia? potrebbe essere una sindrome dello stretto toracivo? esistono cure o il dolore neuropatico è cronico? visti gli esami fatti è da escludere qualche forma di tumore?
a chi devo rivolgermi, neurochirurgo, osteopata, fisiatra???

Vi prego aiutatemi. .. non vivo piu..

Un grazie in anticipo e scusate se mi sono dilungato troppo.

Massimo Selva Mirizzi

[#1]  
Egr. signor Massimo,
a distanza non è possibile orientarsi in ipotesi diagnostiche perchè è necessario ascoltare la storia dei Suoi sintomi, valutare quelli che eventualmente emergessero dalla visita medica, visionare gli esami eseguiti ecc.

Non è possibile (né sarebbe corretto, soprattutto nei Suoi riguardi) prescrivere eventuali esami di approfondimento indiscriminatamente, alla cieca, senza individuare, attraverso l'esame clinico, l'origine del problema.
In assenza di una diagnosi, Le sconsiglierei iniziare terapie manipolative in sede cervicale, in quanto possono aggravare i sintomi.

Finora non ha consultato nessun neurochirurgo ?

Disponibile per eventuali ulteriori chiarimenti, invio cordiali saluti

[#2] dopo  
Utente
Gentilissimo Dott. Migliaccio,

La ringrazio infinitamente per la Sua sollecita risposta. Ho fissato da tempo per venerdì 11 la visita fisiatrica e mi attende pure l'anestesista per la terapia antalgica nello stesso giorno all'ospedale di Latisana. Purtroppo non ho fissato ancora nessun appuntamento con un neurochirurgo come da Lei consigliatomi. I tempi sono biblici qui a Udine. Ho visto che Lei ha una sede anche a Monselice (Pd), me lo conferma? Eventualmente potrei fissare un appuntamento con Lei nella sede di Monselice. Come ha intuito Le scrivo dal Friuli Venezia Giulia.

In attesa di una Sua cortese risposta Le invio i miei piu SENTITI ringraziamenti!

Dott. Massimo Selva Mirizzi

[#3]  
Si, ricevo anche a Monselice, ma non ho date fisse.
Queste dipendono dal numero delle prenotazioni.
Al momento, avendo esaurito quelle di marzo, non ho programmato una data per il mese di aprile.
Cordialmente