Utente
Osteofitosi marginale ad ampio raggio
Disco intersomatico ridotto in altezza l5 s1
MI E' STATO RIPORTATO IN UNA ULTIMA RISONANZA MAGNETICA QUESTI TERMINI : POTREI AVERE UNA SPIEGAZIONE SU COSA SIGNIFICA E SU COSA MI COMPORTA NELLA VITA QUOTIDIANA?
AVEVO COME PASSIONE L'IPPICA MA PENSO CHE NON POTRO' PIU' PRATICARLA.
GRAZIE

[#1]  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Vuol dire nulla, in assenza di sintomi.
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo; Consulente medico legale
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#2] dopo  
Utente
grazie, per la cortese risposta, purtroppo io ho sintomi di cedimento del piede sinistro, mi accade come se non avessi piu' il piede e mi ritrovo a cadere in terra con dolori forti per la caduta.....e non so se dipende dall operazione di ernia discale e stabilizzazione con placche di titanio in L5 S1 che non mi ha risolto il problema di cadere, ma mi sono state messe le placche perché le vertebre slittavano tra di loro. saluti ancora

[#3]  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Gentile signora,
le diagnosi a distanza sono praticamente impossibili, ma se le notizie sono poi del tutto frammentarie e incomplete non si riesce nemmeno a prospettarne una ipotetica.
Lei ora ci informa che ha subito un intervento, ma inizialmente ha riportato l'esito di un esame descrivendo solo ciò che Lei riteneva utile.

Le cose non stanno così, gentile signora.
Una diagnosi o una prescrizione terapeutica o un parere su un caso clinico possono essere effettuati, indicati solo a seguito di informazioni complete, a seguito di una accurata visita specialistica, a seguito di una valutazione diretta degli esami strumentali eseguiti.

Sempre dalle scarse ed incomplete notizie, deduco che vi siano problemi di sensibilità e di forza alla gamba e al piede sinistro, ma non ci dice se tali sintomi erano pregressi all'intervento, di che entità erano o se sono comparsi o aggravati dopo l'operazione di stabilizzazione.

Ne ha parlato con chi ha effettauto l'intervento?

Disponibile per eventuali ulteriori chiarimenti, invio cordiali saluti



Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo; Consulente medico legale
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano