Utente
Salve, mi chiamo Alessandro e ho 30 anni.
Un anno fa sono stato operato di neurinoma dal prof.
Sanna.
L intervento è stato difficile con la complicanza delle fuoriuscita di liquor ma nel complesso è andata bene.
Il problema è che ad oggi mi capita in alcuni momenti, di sentirmi "stordito" ed ho fatto una risonanza di controllo.

Questa è la relazione:

CONTROLLO IN PREGRESSO INTERVENTO A SEDE DELL' APC DI DESTRA CON ALTERAZIONE MORFOSTRUTTURALE DA ESITI METACHIRURGICI ESTESI ALLA MASTADE-ROCCAPETROSA CON INTERESSAMENTO DEL CANALE ACUSTICO IN TUTTI I SUOI COMPARTI.
ALLO STATO SI RILEVA QUADRO STABILIZZATO DELLA COMPONENTE RIMODELLAMENTO CHIRURGICO (30 27 mm sul piano assiale) E più definita area (11 9 sul piano assiale) attendibilmente fibriocicatriziale a sede escissionale in corrispondenza del piano stato acustico ottavo, in relazione al dato clinico anamnesico opportuno monitoraggio su valutazione clinico specialistica.
Non evidenti lesioni espansive a sede cerebellare ne si rilevano definite alterazioni da lesioni focali espansive nel contesto del parenchima celebrale in pre e post m.
d.c.
sistema ventricolare in sede non dilatato ne deformato con 3 e4 ventricolo in asse.
Regolare morfologia volume e segnale degli spazi liquorali periencefalici alla convessita'.
Non si apprezzano alterazioni di rilievo a carico delle principali strutture vascolari.


Mi scuso per eventuali errori di trascrizione.

La ringrazio anticipatamente.

[#1]  
Prof. Oreste De Divitiis

20% attività
16% attualità
0% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
Gentile utente dalla sua descrizione sembrerebbe che lei ha sicuramente subito un'intervento chirurgico molto delicato per rimuovere una lesione che seppur benigna localizzata in una sede molto delicata. Dal referto della rmn da lei trascritto non sembrerebbe esserci particolari complicanze ma sono descritti i normali esiti postoperatori.
Il suo senso di stordimento potrebbe essere legato alla perdita liquorale che crea uno stato di ipotensione intracranica o semplicemente alla sordità procurata con l'approccio chirurgico.
È comunque necessario eseguire un'attenta valutazione neurochirurgica per esprimere un parere più serio e completo
Cordialità
OdD
Prof. Oreste de Divitiis
Professore Associato di Neurochirurgia
Dipartimento di Scienze Neurologiche
UNIVERSITà DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per il consulto, mi ha tranquillizzato.
Cordiali saluti.
Alessandro.