Utente 160XXX
Gentili dottori
sono una donna di 40 anni.Da circa sei mesi avverto dei piccoli movimenti involontari ai muscoli delle palpebre e sparsi qua e là un pò in tutto il corpo.Soffro anche di tensione muscolare soprattutto a livello cervico-dorsale.Ho fatto di recente una visita neurologica per tali sintomi che sembrerebbe negativa;il medico ha parlato di miochimie palpebrali e di ipereccitabilità muscolare oltre che di una sindrome ansiosa.
Il perdurare di tali sintomi mi preoccupa un pò;possono questi spasmi durare così a lungo? Non posso fare a meno di pensare a gravi malattie neurologiche e sono sicura che se riuscissi a tranquillizzarmi sulla natura di tali sintomi riuscirei a farci meno caso,ecco perchè chiedo un parere ed una rassicurazione.Grazie per l'attenzione.

Cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,

anche a me il Suo problema sembrerebbe di origine ansiosa, tesi confermata anche dal neurologo che l'ha visitata. Infatti le miochimie palpebrali hanno spesso questa origine, il resto è dovuto a tensione nervosa e, forse, ipereccitabilità neuromuscolare.
Mi sentirei di tranquillizzarLa.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 160XXX

Grazie mille per la cortese risposta.
In effetti sono reduce da un periodo di forte stress che tra l'altro questi recenti sintomi contribuiscono ad alimentare,essendo tali " guizzi "muscolari piuttosto irritanti...cercherò di ignorarli.Approfitto della disponibilità per porle qualche domanda;quindi è possibile che tali sintomi possano durare così a lungo anche in assenza di patologie?
Non si può far nulla per eliminarli? ( fermo restando che una volta tranquillizzata sulla loro natura posso pure tenermeli ).
Sarebbe utile fare un controllo degli elettroliti nel sangue?Io sto prendendo 1 bustina al giorno di polase o codrase come suggeritomi dal madico di base.
Mi scuso se posso sembrare fissata,ma sono sintomi nuovi e su internet si leggono tante cose...grazie ancora e buon lavoro.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

esiste una sindrome delle fascicolazioni benigne, potrebbe essere un'ipotesi.
Il dosaggio degli elettroliti nel sangue sarebbe opportuno effettuarlo, a volte ci sono squilibri di questo tipo.
Se l'origine del disturbo fosse ansiosa o da stress sarebbe razionale intervenire su questi due fattori, evitare lo stress....facile a dirsi....e curare l'ansia se particolarmente limitante ma quest'ultima condizione non sembrerebbe il Suo caso.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 160XXX

La ringrazio per l'attenzione,effettuerò i controlli degli elettroliti e nel frattempo speriamo che i miei sintomi passino,buona serata.

[#5] dopo  
Utente 160XXX

Gentile Dott. Ferrarolo
a quanto già detto volevo aggiungere che all'esordio dei sintomi ( miochimie palpebre)
il neurologo a cui mi ero rivolta,mi aveva prescritto una cura con gabapentin 100 da aumentare fino a 300 mg due volte al giorno,anche per la tensione cervico-dorsale di
cui già soffrivo da tempo.Io dopo aver letto il foglietto illustrativo ho preferito non assumerlo;adesso,visto il perdurare dei sintomi ( con un peggioramento direi degli spasmi muscolari e forse anche dello stato d'ansia ) mi chiedevo se non fosse il caso assumerlo.Mi potrebbe dare un parere e spiegare qualcosa su questo farmaco?
Grazie ancora
cordiali saluti

[#6]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

una delle indicazioni del gabapentin è il dolore neuropatico periferico.
Nel foglietto illustrativo si trovano riportati numerosi effetti collaterali, come per tutti i farmaci, la maggioranza dei quali però, per fortuna, non si manifesterà.
All'inizio della terapia non è possibile stabilire la tolleranza o meno ad un determinato farmaco o quali effetti collaterali potrebbero presentarsi in quanto esiste una reattività individuale in tal senso.
Personalmente, a distanza, non posso darLe un consiglio in merito, cioè se assumerlo, ma se il neurologo l'ha prescritto lo può utilizzare.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro