Utente 407XXX
Salve dottori, sono una ragazza di 23 anni. A luglio 2015 ho avuto un attacco di iperventilazione (caratterizzato da giramenti di testa, irrigidamento degli arti, difficolta a respirare e solo dopo essere andata di corpo, diarrea, sono stata "meglio")e da quella sera quasi ogni giorno soffro di quei sintomi quindi giramenti di testa, vertigini, palpitazioni, stanchezza,tachicardia, vampate, sesazione di svenimento/stordimento, fascicolazione, apnea notturna, buco allo stomaco,mal di pancia soprattutto quando mi vengono vampate e tachicardia poi ho bisogno di andare di corpo. Sono andata da un neurologo il quale mi ha detto che sono sintomi da depressione, ansia, stress, tensione e mi ha prescritto Elopram e Xanax ma i miglioramenti non li vedo. Oggi sono uscita a fare una passeggiata ed ero tranquilla quando all'improvviso ho iniziato ad avere i sintomi sopraelencati. Faceva caldo forse sono stata male per quello in quanto non abituata ad uscire ed affaticarmi? Perché quando ho quei sintomi poi devo andare di corpo? Anche la sera quando mi corico inizio ad avere quei sintomi e solo andando in bagno vedo miglioramenti. Vi prego di darmi qualche risposta. Grazie in anticipo!

[#1] dopo  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Descrive un disturbo di panico da manuale. La terapia in teoria è indicata, anche se lo specialista di riferimento per questa patologia è lo psichiatra e non il neurologo. L'elopram impiega circa tre settimane a fare effetto, mentre lo xanax è un sintomatico utile per alleviare l'ansia in attesa che l'altro farmaco inizi a funzionare. Può essere utile anche associare una psicoterapia cognitivo-comportamentale per imparare a gestire il panico. La stagione calda e l'aumento della luce diurna favoriscono e incrementano le crisi di panico.
Franca Scapellato

[#2] dopo  
Utente 407XXX

Grazie per la sua risposta dottoressa. Vorrei chiederle se è normale che questi sintomi che ho mi si presentano anche mentre non sto in uno stato di ansia/panico. Ad esempio a volte inizio ad avere vertigini e tachicardia anche mentre sono rilassata o mentre sto semplice al computer e soprattutto la sera quando mi corico. Sto male quando meno me lo aspetto praticamente. È possibile?

[#3] dopo  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
L'attacco di panico è così, viene senza motivo apparente e per questo fa ancora più paura.
E' importante che durante la terapia farmacologica, che dura in media un anno (i sintomi scompaiono ben prima, ma la terapia va continuata per evitare recidive), il paziente venga seguito con visite di controllo per verificare che la cura sia efficace e che non occorrano aggiustamenti del dosaggio.
Franca Scapellato

[#4] dopo  
Utente 407XXX

Grazie ancora per la risposta. Il fatto che ora al minimo sforzo (anche solo per fare le scale) ho il fiatone e mi sento stanca é sempre dovuto al mio stato di panico? Ho fatto la visita cardiologica e non ho problemi di cuore per fortuna quindi deve essere legato ai miei problemi di ansia! Poi ho notato che quando ho vertigini, tachicardia ho freddo e l febbre va a 37. Può il panico far aumentare la temperatura corporea?

[#5] dopo  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
E' possibile, comunque è opportuno anche un controllo della tiroide, per escludere un ipertiroidismo.
Franca Scapellato

[#6] dopo  
Utente 407XXX

Pensavo di averlo scritto invece no, soffro dal 2007 di ipotiroidismo e prendo eutirox 50 ogni giorno e le analisi che faccio per controllare i valori vanno bene.

[#7] dopo  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Allora è un effetto dell'ansia, che attiva il sistema nervoso autonomo, dall'intestino al maggiore apporto di sangue ai muscoli destinati alla corsa o alla lotta.
L'organismo si prepara alla reazione "fight or flight" (combatti o fuggi), che funzionava bene per l'uomo primitivo, per es l'eventuale predatore si poteva fermare ad annusare le feci o il vomito e intanto la vittima fuggiva. Nel mondo moderno questi riflessi istintivi servono meno, perché difficilmente ci si salva arrampicandosi su un albero.
Franca Scapellato

[#8] dopo  
Utente 407XXX

Grazie dottoressa. In effetti ho un pò di problemi in casa. Come il mio voler andare via di casa e andare a trovare lavoro altrove dove ho amici e dove sta la mia fidanzata ma i miei me lo impediscono in quanto vorrebbero mi facessi una vita qui on questo paese. Quindi il mio corpo presumo possa risentirne di tutto ciò e mi porta a uno stato di depressione e nervosismo

[#9] dopo  
Utente 407XXX

Grazie dottoressa. In effetti ho un pò di problemi in casa. Come il mio voler andare via di casa e andare a trovare lavoro altrove dove ho amici e dove sta la mia fidanzata ma i miei me lo impediscono in quanto vorrebbero mi facessi una vita qui on questo paese. Quindi il mio corpo presumo possa risentirne di tutto ciò e mi porta a uno stato di depressione e nervosismo