Utente 395XXX
Buongiorno dottori, la seconda figlia ha otto anni dalla prima elementare ha sempre fatto fatica a fare i compiti. Quando io e mio marito la aiutiamo a fare i compiti vediamo che è proprio disarmante perchè fa di tutto per non fare i compiti e soprattutto se deve calcolare 100-10 e glielo spiego, poi non riesce a calcolare 10-1. Insomma non riesce a capire che il ragionamento aritmetico è sempre lo stesso. Le insegnanti a scuola ci hanno consigliato di rivolgerci al neuropsichiatra infantile ma io e mio marito abbiamo rinunciato dopo pochi incontri, perchè volevano psicanalizzare noi due anzichè aiutare la bambina e quindi siamo capitati proprio in pessime mani. Abbiamo anche un figlio più grande, che ha 12 anni e che ha avuto a sua volta dei problemi a fare i compiti. Ora lui ha reuperato, mentre la bambina è abbandonata a se stessa e non sappiamo che cosa fare e dove portarla.
Io faccio fatica a farle fare i compiti e mi pare che le insegnanti perdano la pazienza più frequentemente con lei. Che cosa dobbiamo fare? Dal pediatra non abbiamo avuto chiarimenti dopo la visita al neuropsichiatra. Aiutateci per favore

[#1] dopo  
Dr.ssa Paola Scalco

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
CASTELL'ALFERO (AT)
ASTI (AT)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,
cosa intende con l'espressione <<volevano psicanalizzare noi due anzichè aiutare la bambina>>?
Quindi la valutazione della situazione di vostra figlia non è stata conclusa?

Quello sarebbe stato il percorso adeguato per cercare di fornire un aiuto concreto alla vostra secondogenita: in base a quanto eventualmente riscontrato, avrebbe potuto avere diritto ad un insegnante di sostegno, oppure all'adozione di misure dispensative e/o compensative in caso fosse emerso un disturbo specifico di apprendimento.
Senza certificazioni, tutto ciò non è possibile, pertanto vi inviterei a riprendere il percorso interrotto. Se non altro per capire come stiano davvero le cose e quale sia l'entità della problematica.

Un'altra strada (a mio avviso non alternativa alla precedente, ma ad essa complementare) potrebbe essere quella di cercare nella vostra zona uno/a psicologo/a specificamente formato in psicopatologia dell'apprendimento per richiedere un percorso riabilitativo per la vostra bambina.

Vi segnalo il sito dell'Associazione Italiana per la Ricerca e l’Intervento nella Psicopatologia dell’Apprendimento, su cui potrete trovare molte utili informazioni e approfondimenti in merito al problema:
http://www.airipa.it/

Cordialmente,
Dr.ssa Paola Scalco, Psicologa
specialista in Psicoterapia Cognitiva e perfezionata in Sessuologia Clinica
https://www.psicologi-italia.it/psicol