Utente 414XXX
buongiorno io ho un figlio di 6 anni che ha appena cominciato le elementari,le maestre dopo qualche giorno ci hanno richiamato perché dopo un paio d'ore di lezione comincia ad agitarsi e non riesce piu' a stare in classe,dopo diversi giorni sono andato in erboristeria su consiglio di un amico a farci consigliare un prodotto per questi disturbi e ci e' stato consigliato un prodotto a base di fiori di bach in gocce chiamato rescue remedy,sembra che a scuola funzioni ma a casa negli ultimi giorni ha delle manifestazioni strane come respirazione con ritmo alterato come dei sospiri forzosi e movimenti a volte scoordinati sembra che abbia bevuto alcolici tanto per fare un esempio.puo' essere un effetto collaterale del prodotto?

[#1] dopo  
Dr. Francesco Bova

32% attività
8% attualità
16% socialità
BASSANO DEL GRAPPA (VI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Cara Signora,
non è mi è chiaro il motivo per cui l'agitazione a scuola di suo figlio sia un problema da trattare con una terapia farmacologica. Non capisco neanche su quali basi e su quali presupposti un erborista consigli dei prodotti ad un bambino di 6 anni. Non le so dire se i fiori di bach possano avere effetti collaterali su bambini così piccoli (anche se le gocce di solito hanno un certo contenuto di alcool). Penso che la cosa da fare sia quella di rivolgersi ad un neuropsichiatra infantile che potrà valutare l'entità del presunto problema di suo figlio ed eventualmente consigliarle una terapia (magari una psicoterapia) che possa aiutare lei e il bambino a risolvere questa agitazione che rende difficile la permanenza in classe. Cordiali saluti.
Dottor Francesco Bova

[#2] dopo  
Utente 414XXX

Grazie dr.Bova per la risposta,volevo inoltre dirle che le visite neuropsichiatriche le abbiamo fatte nei mesi scorsi perché essendo nato a fine dicembre ed essendo nato prematuro di 33 settimane io e la mamma ritenevamo fosse meglio fargli fare un anno di scuola materna in piu' .le maestre d'asilo ci hanno consigliato di iscriverlo a gennaio perché la legge prevede questo e poi fare un iter di visite neuropsichiatriche e logopedistiche per valutare l'effettiva idoneita' a frequentare la scuola primaria perché se non fosse stato idoneo avrebbe continuato la materna,gli specialisti hanno dato il via libera e iniziato l'anno scolastico si e' manifestato il problema,a questo punto abbiamo sentito di nuovo la neuropsichiatra che ci ha detto che e' esagerata l'ansia degli insegnanti e che fino a dicembre ci sarebbe stato il periodo d'inserimento cosa che ha provveduto a comunicarlo alle insegnanti,le insegnanti dal canto loro tutti i giorni che andavamo a prenderlo a scuola si lamentavano con noi del suo nervosismo a scuola e a questo punto ci e' venuto in mente questo prodotto anche perché un nostro conoscente ha risolto i problemi con sua figlia in prima elementare con questi prodotti in associazione a dei prodotti omeopatici e anche una delle maestre ci avrebbe consigliato i fiori di bach perché con i suoi figli ha avuto gli stessi problemi,nel frattempo volevo dirle che il prodotto che usa ora gli ha dato degli indubbi benefici dal punto di vista dell'inserimento e anche dell'apprendimento anche se presenta questi disturbi del respiro che pero' col tempo si stanno affievolendo,spero che non faccia assuefazione e che un giorno alla sospensione del trattamento non abbia dei fenomeni di rimbalzo

[#3] dopo  
Dr. Francesco Bova

32% attività
8% attualità
16% socialità
BASSANO DEL GRAPPA (VI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Cara Signora,
mi rendo conto della situazione che purtroppo non è così infrequente. Accade spesso che i consigli in alcune circostanze della vita si moltiplichino e che questi, pur se in buona fede, finiscono con il complicare situazioni che magari non lo richiederebbero. Sull'efficacia delle terapie omeopatiche in età infantile i dati sono tutt'altro che scientificamente provati per cui io non mi affiderei a se dicenti esperti mentre ascolterei la collega neuropsichiatra che, nel coro delle voci, è al momento l'unica ad esprimersi avendo titolo.
Il parere della mia collega appare fra l'altro di assoluto buon senso.
Cordialità.
Dottor Francesco Bova