Utente 454XXX

Buonasera,
sono mamma di un bimbo nato il 30-9-15 a 27+5 sett di gestazione.
dopo 55 gg di t.i.n. siamo tornati a casa con ossigeno terapia. A giugno 2016 ( a 9 mesi anagrafici, 6 corretti) si è riscontrato un leggero ipertono agli arti inferiori e da li abbiamo iniziato fisioterapia 2 volte a settimana in più facciamo acquatica 1 volta a settimana e da circa un mese lo abbiamo iscritto presso una ludoteca per essere a contatto con altri bimbi.
Ad ottobre 2016 abbiamo deciso di fare la rmn...questo è l'esito del referto...
IPERINTENSITA' DEL SEGNALE DELLA SOSTANZA BIANCA PERIVENTRICOLARE SPECIE A LIVELLO DELLE PORZIONI POSTERIORI, INTORNO AI CORNI OCCIPITALI DEI VENTRICOLI LATERALI UN PO' PIU EVIDENTE DAL LATO DESTRO. NORMALE ASPETTO DELLE STRUTTURE ENCEFALICHE IN SEDE SOTTOTENTORIALE. STRUTTURE DELLA LINEA MEDIANA IN ASSE.

IL BAMBINO DA CIRCA UN MESE HA INIZIATO A GATTONARE IN MANIERA RAPIDA. ORA IL BAMBINO HA 18 MESI CORRETTI E 21 MESI ANAGRAFICI). Si arrampica dappertutto e cerca di tirarsi in piedi ma nn riesce a sistemare i piedini che restano in punta. Fa qualche passetto se sostenuto dagli 'avambracci ma sempre sulle punte

nessuno ci ha dato una diagnosi, si dice che bisogna continuare il percorso riabilitativo e che la diagnosi si farà a 2 anni.

La mia domanda è: il sinonimo del referto della RMN è leucomalacia periventricolare? nessuno me ne ha mai parlato ma leggendo e cercando su internet leggo che la L. Periventricolare è proprio un alterazione, necrosi della sostanza bianca periventricolare.

so che ogni bimbo è a se...ma dalla vostra esperienza l'obiettivo : cammino autonomo può essere raggiunto?

grazie in anticipo

[#1] dopo  
Dr. Rosamaria Bruni

24% attività
12% attualità
16% socialità
ANDORRA (AD)
SPAGNA (ES)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2013
SALVE GENTILE MAMMA
,
SI ESATTO SI TRATTA DI LEUCOMALACIA PERIVENTRICOLARTE!!
UNA NECROSI DELLA SOSTANZA BIANCA PERIVENTRICOLARE TIPICA DEI PREMATURI, CHE SI VERIFICA PER INNALZAMENTO DELLE PRESSIONI SANGUIGNI E ROTTURA DEI CAPILLARI DI QUESTA ZONA MOLTO SUSCETTIBIEL AI CAMBI PRESSORI DI 02 E C02.

HO LAVORATO CON UNA RICERCATRICE OLANDESE , ESATTAMENTE SU QUESTO TEMA , MOLTI ANNI FA APPENA SPECIALIZZATA IN NEUROSPICHIATRIA INFANTILE.
SE LE INTERESSA LE DO LA REFERENZA.

COMUNQUE L'HIPETONO DEI AAII E`LA CLINICA RISULTANTE DI QUESTO REPERTO .
SUO FIGLIO E`SANO , STA FACENDO LA TERAPIA ADEGUADA.

POTREBBE FORSE PRESENTARE QUALCHE LEGGERA DIFFICOLTA` A SALTARE ....MA QUESTO LO VEDREMO PIU AVANTI.

SE NON SONO STAT CHIARA , MI SCRIVA
LE AUGURO UNA SPLENDIDA GIORNATA
Dr.ssa RosaMaria Bruni
Neuropsichiatra Infantile