Utente 326XXX
Egregio Specialista,
mio padre ha 82 anni e gli è stato diagnosticato 2 anni fa Carcinoma Polmonare Non a Piccole Cellule che però per circa 1 anno e mezzo non ha avuto alcuna progressione. Solo di recente è stato riscontrato un leggero incremento della massa tumorale.

A seguito dell’ultima TC che ha interessato anche cranio-encefalo, sono state rilevate delle "aree ipodense", ulteriormente analizzate da una RM, per le quali si è pensato subito a lesioni neoplastiche secondarie.

Il referto della RM (disponibile a questo indirizzo in forma riservata
http://www.ilclic.it/Referto_RM_MR.pdf ) confermerebbe la presenza di un nodulo ipointenso (circondato da endema ma privo di effetto massa) in sede parafalcale sinitra. Una seconda area nodulare di minore diametro sarebbe stata riscontrata al vertice del lobo parietale sinistro.

Un altro medico (della stessa struttura e radiologo molto esperto) ci ha però dato una lettura completamente diversa di questa RM, e nonostante fosse a conoscenza della presenza di un tumore polmonare, ha subito identificato quelle aree ipodense come Cavernomi.

Vista la delicatezza di questa analisi, saremmo molto grati se potesse darci un suo giudizio.

Premetto che mio padre non ha accusato mai alcun sintomo, ne per il nodulo polmonare, ne per le lesioni cerebrali.

Metto a disposizione l'intero esame (con 9 serie di immagini) a questo indirizzo: http://www.ilclic.it/RM_MR.asp

Allo stesso indirizzo sono reperibili anche un angio-TC e una PET del 2011 che interessano il distretto cranio-encefalico.
In particolare nell’angio-TC era stato rilevato: “Ipodensita' di significato ischemico lacunare a sede paraventricolare corona radiata dx, a livello dei nuclei della base sede talamica sin e in sede insulare sin. Non enhancement di significato patologico a carico del parenchima cerebrale. “

Le segnalo quelle che (a mio giudizio) potrebbero essere immagini significative dell’RM:

AX_FLAIR
http://www.ilclic.it/RM_MR.asp?s=5&i=26
http://www.ilclic.it/RM_MR.asp?s=5&i=29

Ax_T2x_GRE
http://www.ilclic.it/RM_MR.asp?s=8&i=25
http://www.ilclic.it/RM_MR.asp?s=8&i=26
http://www.ilclic.it/RM_MR.asp?s=8&i=28

Ringrazio infinitamente per qualsiasi aiuto ci possa fornire.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
GERACE (RC)
MESSINA (ME)
CASALPUSTERLENGO (LO)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Egr. signore.
Le immagini non sono complete, ma, anche in considerazione della patologia polmonare, è suggestivo ritenere quelle lesioni encefaliche come metastasi.
E' difficile, infatti, la concomitante presenza di due angiomi cavernosi, la cui sede, tra l'altro non sarebbe usuale.
Se Suo padre sta bene, non credo ci sia necessità di alcuna terapia se non per quella polmonare, la cui competenza è oncologica.

Con cordialità e auguri
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano