Utente 824XXX
Salve a tutti,
Ad Agosto dell'anno scorso sono stata colpita da una forte cheratite puntata all'occhio sinistro per prolungato uso di lenti a conttato che ho curato con i classici colliri.
Per circa due mesi ho eliminato in assoluto le lenti a contatto e poi ho ripreso ad riutilizzarle ma con tempi molto limitati, due/tre per una/due volte a settimana.
Verso fine Gennaio però mi compare un dolore abbastanza fastidioso sempre all'occhio sinistro quindi mi reco dal mio oculista credendo fosse uno strascico della cheratite ma lui non riscontra nulla e che la corne è completamente pulita. In poche parole mi dice che potrebbe trattarsi di Sindrome dell'occhio secco e mi da un collirio lacrimante.
Il punto è che da circa due settimane ho un dolore non fisso ma abbastanza fastidioso che mi sembra di tipo orbitale, infatti mi sembra prenda tutto l'occhio e anche intorno.
Mi sembra appunto un dolore nevraligico. Cosa può essere?
Grazie mille dell'attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Daniele Di Clemente

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2013
Certamente può trattarsi sia di una nevralgia trigeminale o di altra terminazione sensitiva. Tuttavia , visto il suo quadro anamnestico, tutto spostato su una alterazione corneale di multiforme eziologia- lenti a contatto, cheratopatia, occhio secco- ritengo che la causa più probabile sia ricercare in una alterazione della superfice oculare.
Orienterei pertanto le mie attenzioni in tal senso, effettuando anche tests diagnostici al riguardo.
Senza tuttavia trascurare altre potenziali alterazioni, sempre possibili quando il paziente descrive il suo disturbo nel modo in cui lei lo ha fatto.
Trattasi comunque di forme che possono recidivare e che hanno un andamento variabile ed altalenante, per cui vanno tenute costantemente sotto controllo.
Cordialità,
DDC
Dr. DANIELE DI CLEMENTE

[#2] dopo  
Utente 824XXX

Innanzittutto la ringrazio per la sua risposta!
Durante questi giorni ho effettuato un nuovo controllo con vari esami tra cui anche la pressione oculare ed è uscito tutto nella norma.
Infatti a questo punto l'oculista mi ha detto che potrebbe essere semplicemente una sensibilità mia.
A questo punto non mi resta che aspettare e vedere se si risolve da solo o rivolgermi ad un altro professionista.

[#3] dopo  
Utente 824XXX

Dottori a distanza di quasi due mesi vi aggiorno sulla mia situazione.
Visto che il dolore continuava ho deciso di eseguire una radiografia al cranio da cui è risultata una sinusite che sto adesso sto curando con una terapia antibiotica e Aereosol.
Quello che mi domandavo è come mai il dolore aumentava molto dopo l'utilizzo della lente a contatto tanto da portarmi a pensare che fosse un dolore oculare?

[#4] dopo  
Dr. Daniele Di Clemente

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2013
la superficie oculare, qualora sia in una condizione di labile compenso , qualitativo o quantitativo, del film lacrimale, può deteriorarsi episodicamente o cronicamente, proprio in conseguenza dell'uso incongruo di lac.
da ciò possono derivare dolori di vario genere, durata, intensità.
Va verificato, una volta che il suo oculista abbia accertato l'integrità della superficie corneale, in particolare, il fitting della sua lac in rapporto al suo occhio.
Ciò va effettuato in un centro di contattologia medica, utilizzando il topografo corneale, ad es., che è cosa diversa da attività coomerciali dedicate alle lac.
Saluti
DDC
Dr. DANIELE DI CLEMENTE