Utente 690XXX
Spettabile staff Medicitalia,

ho un problema che mi assilla. Ho già scritto al gastroenterologo e mi ha indirizzato alla vs. specializzazione.
Ho l'alito cattivo da circa quattro anni, soffro di colonpatia spastica e non credo basti comprare uno spazzolino per la lingua per risovere il problema e mangiare il chewingum.
Perchè quando faccio un ciclo di fermenti lattici per 6-7 gg. il problema è risolto. Un medico, tempo fa, mi ha detto che si tratta di un problema intestinale. La prego, mi aiuti, è veramente terribile avere un tale fastidio.

La ringrazio infinitamente

Sonia

[#1] dopo  
Dr. Pietro Convertino

24% attività
0% attualità
0% socialità
ALBEROBELLO (BA)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2004
Prenota una visita specialistica
Gentile paziente sicuramente la lingua deve spazzolarla oltre naturalmente ad una perfetta igiene orale e domiciliare, ma probabilmente il problema e relamente gastrico. Provi a fare un tampone esofageo e faringeo con antibiogramma e valuti un pò.
Nel frattempo usi tutte le sere come ultima cosa prima di andare a letto e senza risciacquare con acqua un collutori leggero tipo Curasept clorexidina 0,005 % e Curasept Spray parodontale 0,5% da eseguire dei puff sull'ugola e verso la gola e non si preoccupi se lo deglutisce.
Affettuosi saluti e mi contatti pure se vuole altri chiarimneti al n. 080-4322607 o 339-2721718.

Dr. Pietro Convertino
Odontoiatra
Dr. Pietro Convertino
Odontoiatra

[#2] dopo  
Dr. Pietro Convertino

24% attività
0% attualità
0% socialità
ALBEROBELLO (BA)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2004
Nota: Collutorio e non collutori
Dr. Pietro Convertino
Odontoiatra

[#3] dopo  
3885

Cancellato nel 2008
SONO DACCORDO CON IL COLLEGA. IL PROBLEMA E AL 90 % DI NATURA INTESTINALE. TUTTAVIA FARE UNA ADEGUATA IGIENE ORALE CON USO DI COLLUTORIO E FONDAMENTALE. INOLTRE SI PUO SOTTOPORRE A VISITA ODONTOIATRICA PER EVIDENZIARE LA PRESENZA DI TASCHE GENGIVALI INFETTE. INFINE, SE E PORTATRICE DI PONTI FISSI, L'ALITOSI PUO DIPENDERE ANCHE DA ESSI. LA RINGRAZIO E SONO SEMPRE A SUA DISPOSIZIONE.

[#4] dopo  
Dr. Angelo  Giuseppe Bondesan

20% attività
0% attualità
0% socialità
MILANO (MI)
CORNAREDO (MI)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2004
L'alitosi può,comunque,manifestarsi transitoriamente legata a taluni momenti o situazioni della vita quotidiana,può essere provocata da alcune affezioni della bocca o di tutto l'organismo.Un alitosi passeggera la danno gli alcolici e il fumo di tabacco, anche quello passivo, ci sono poi alimenti molto "aromatici"; spesso il disturbo compare al risveglio perchè nel sonno diminuisce la saliva(che umidifica la bocca e diminuisce le sostanze alitogene).
Ci possono essere problemi infettivi,infiammatori e neoplastici della bocca, delle cavità nasali e della faringe come tonsilliti, sinusiti, riniti croniche.
E anche malattie del fegato, dei polmoni e dei reni, possono causarla alcuni farmaci cone gli psicofarmaci e gli antipertensivi che riducono la secrezione di saliva.
I consigli dei colleghi sono già a sua disposizione, li osservi e vedrà che i suoi problemi diminuiranno sicuramente.
Cordialità
Angelo Bondesan

[#5] dopo  
Dr. Enio Dell'Artino

16% attività
0% attualità
8% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2002
Dal momento che gran parte dei germi responsabili della formazione di prodotti sulfurei responsabili dell'alitosi risiede sulla lingua, lo spazzolamento di quest'ultima è un'ottima soluzione per l'abbattimento della carica batterica.
Dr Enio Dell'Artino
Viale Lavagnini, 45 Firenze
Via Colombo 16/b Scandicci Fi
tel 055 481829 - 499646

[#6] dopo  
Dr. Enio Dell'Artino

16% attività
0% attualità
8% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2002
Farei però in aggiunta delle indagini atte ad escludere alitosi di origine gastrica come ad esempio la valutazione della tonicità del LES, che altro non che la valvola che isola lo stomaco dall'esofago.
Cordiali Saluti
Dr Enio Dell'Artino
Viale Lavagnini, 45 Firenze
Via Colombo 16/b Scandicci Fi
tel 055 481829 - 499646

[#7] dopo  
Dr. Paolo Patrucco

24% attività
0% attualità
4% socialità
CASALE MONFERRATO (AL)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2000
gentile paziente,
lo spazzolamento della lingua è importante anche se non è presente il problema dell'alitosi,quindi è bene farlo .Da quello che lei riferisce il problema intestinale potrebbe essere il principale imputato della sua alitosi ,ma non dimentichi che anche le malattie gengivali nelle loro forme più gravi possono causare grave alitosi ,quindi verifichi che non sia in presenza di un problema di questo genere.
cordiali saluti
PaoloPatrucco
Paolo Patrucco

[#8] dopo  
40088

Cancellato nel 2010
OGGETTO: ALITOSI ( Medico e Bambino del 31/01/2000 “domande e risposte” )





Sui testi di Pediatria, come anche su altri testi di Medicina, si parla poco e in modo non convincente dell’eziopatogenesi dell’alitosi nel bambino. Il disturbo e’ solitamente e vagamente attribuito a cattiva igiene orale, carie dentale, dismicrobismo intestinale, malattie sistemiche, adeno-tonsillite.
Nel mio studio medico molte mamme mi hanno posto spesso la domanda: “perché mio figlio presenta ogni tanto l’alito cattivo? A mio parere, quasi sempre, è un disturbo neurodistonico da ansia, con il seguente meccanismo eziopatogenetico:
ansia - antiperistalsi gastroenterica - risalita di gas gastroenterici- alitosi.
Sulla base di questa ipotesi, prescrivo, da alcuni anni e sempre con successo, farmaci procinetici (Peridon oppure Motilex) alle dosi abituali, mattina e sera per cicli di 10 giorni.
(IL DISCORSO VALE OVVIAMENTE ANCHE PER GLI ADULTI).
Le sarei grato se mi facesse sapere l'esito della terapia.
Il mio indirizzo di posta elettronica è: mariggioantonio@libero.it



Manduria, 25/07/2007 Cordiali saluti
Dott. Antonio Mariggiò
Specialista in Pediatria
Manduria (TA) – cell:3389153731
Dr.Antonio Mariggiò
Specialista in Pediatria
Manduria - TA

[#9] dopo  
40088

Cancellato nel 2010

Gentile signora,
Le invio un mio contributo scientifico,aggiornato.
Lei soffre di Colon Irritabile, un disturbo psicosomatico da ansia.Pertanto può trovare utile i miei suggerimenti. Cordiali saluti e auguri.


OGGETTO: ALITOSI ( Medico e Bambino del 31/01/2000 “Rubrica Lettere “ )





Sui testi di Pediatria, come anche su altri testi di Medicina, si parla poco e in modo non convincente dell’eziopatogenesi dell’alitosi nel bambino. Il disturbo e’ solitamente e vagamente attribuito a cattiva igiene orale, carie dentale, dismicrobismo intestinale, malattie sistemiche, adeno-tonsillite.
Nel mio studio medico molte mamme mi hanno posto spesso la domanda: “perché mio figlio presenta ogni tanto l’alito cattivo? A mio parere,dopo aver escluso le cause odontoiatriche, quasi sempre, è un disturbo neurodistonico da ansia, con il seguente meccanismo eziopatogenetico:
ansia → antiperistalsi gastroenterica → risalita nel tratto alto intestinale di gas enterici→loro passaggio nel sangue e quindi nei polmoni→ alitosi.
Sulla base di questa ipotesi, prescrivo, da alcuni anni e quasi sempre con successo, farmaci procinetici (Peridon oppure Motilex) alle dosi abituali, mattina e sera per cicli di 10 giorni.
( Il discorso vale anche per gli adulti, i quali possono ricorrere, con maggiore efficacia, alla terapia ansiolitica. Negli adulti, in particolare, vanno escluse prima le cause odontoiatriche.)




Manduria, 15/04/2007 Cordiali saluti


Dott. Antonio Mariggiò
Specialista in Pediatria
Manduria(TA) – cell. 3389153731
Dr.Antonio Mariggiò
Specialista in Pediatria
Manduria - TA