Utente 284XXX
Buongiorno, ho 34 anni e da diversi anni, a seguito di un'estrazione di un molare inferiore destro mai sostituito perché a detta di un dentista non era necessario, soffro di fastidi a livello di bocca, articolazione mandibolare, tensione muscolare, mal di testa, clic della mandibola e mille altri sintomi dal lato sinistro del viso, opposto al dente mancante, che però in questi anni sono andati e venuti sporadicamente senza crearmi troppi problemi, ma adesso ho deciso di risolvere il problema consultando uno gnatologo. Circa un mese fa, però, sono stata da una dentista nuova a Torino (perché ho cambiato città) per un problema a un dente cariato, e ho chiesto alla dentista se conosceva uno gnatologo. Alla mia domanda mi ha chiesto cosa avessi e ho spiegato tutto, così lei ha pensato di limarmi dei precontatti perché a suo dire forse il problema sarebbe migliorato. Così nel giro di pochi minuti, utilizzando dei pezzi di carta tra i denti per vedere come masticavo, mi ha limato qualche dente dal lato sinistro, dicendomi che aveva eliminato soltanto dei precontatti.
La settimana successiva ho fatto una detartasi e mi ha limato un altro dente dal lato destro.
Due giorni dopo ho iniziato ad avere un forte mal di testa che poi è andato via, ma da allora, ed è passato più di un mese, ho forte tensione tra mandibola, collo, orecchio sinistro, come se qualcosa tirasse e fosse gonfio (non visivamente, solo una sensazione) partendo dagli ultimi molari superiori, a volte con problemi di vertigini, dolore alle arcate dentarie. che mi stanno dando molto fastidio.
Vorrei sapere se tutti questi problemi possono derivare da una limatura affrettata e davvero poco professionale. La mia teoria è che, nonostante i miei problemi di anni, la mia bocca avesse trovato un suo equilibrio, e che queste piccole limature hanno invece spostato tutto in un colpo solo. Vorrei chiedere un consulto e se è possibile conoscere il nome di un serio gnatologo a torino. Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Auletta

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
GIUGLIANO IN CAMPANIA (NA)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Gentile utente la limatura dei denti è una procedura vecchia che non va fatta, in quanto irreversibile e come giustamente Lei ha dedotto,(La mia teoria è che, nonostante i miei problemi di anni, la mia bocca avesse trovato un suo equilibrio, e che queste piccole limature hanno invece spostato tutto in un colpo solo).
Per quanto riguarda un serio gnatologo,basta che Lei si rivolga anche semplicemente ad un bravo dentista.
La risposta ha il solo scopo informativo.
http://studiodentisticoauletta.it
Dr.Giovanni Auletta

[#2] dopo  
Dr. Andrea Zabeo

20% attività
0% attualità
4% socialità
PONTE SAN NICOLO' (PD)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2012
In effetti, il molaggio (limatura)dei denti potrebbe aver determinato un'ulteriore perdita di dimensione verticale(altezza) tra mascella e mandibola e di conseguenza "riposizionare" la mandibola in una posizione non fisiologica!
Un odontoiatra con esperienza in gnatologia potrà comunque esserLe di aiuto intanto per risolverle la fase acuta tramite vari approcci(bite,placche di riposizionamento,rialzi ecc. ecc.).
Cordiali saluti
Dr. andrea zabeo

[#3] dopo  
Dr. Mirco Di Biase

36% attività
16% attualità
16% socialità
MONZA (MB)
GESSATE (MI)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2014
Gentile paziente, non ho compreso quale molare le è stato estratto, tuttavia posso darle una serie di delucidazioni di carattere gnatologico: a seguito di un estrazione di un primo molare è possibile si presentino delle incoordinazioni articolari,soprattutto se si tratta di PRIMI molari inferiori quindi mandibolari. Col tempo infatti i denti contigui tendono a chiudere lo spazio del molare perso ed il molare superiore si sposta verso il basso (estrude) creando ciò che in gnatologia viene definito malocclusione. A nulla serve un molaggio selettivo specie se effettuato in arcata controlaterale, in quanto l'organismo mette in atto dei meccanismi compensatori gia dalla perdita del dente, quindi "abbassare" la masticazione nell' arcata opposta produrrebbe una malocclusione in ambo i lati (bilaterale). Prima di tutto bisogna procedere con una visita gnatologica in cui si evidenzia il trofismo muscolare, la dolorabilità muscolare e l'escursione della mandibola ( il suo movimento in apertura e chiusura), quindi si interviene in base al tipo di patologia mandibolare e neuromuscolare,(in alcuni casi è necessaria un elettromiografia per la diagnosi, e il rilevamento dell impronte dentali per lo studio del caso) ,con il ripristino della postura e del rilassamento musolare attraverso placche (bite) di tipo ortopedico. succesivamente si interverrà con il ripristino del tavolato occlusale che sarà costruito sulla scorta dell' altezza del bite ortopedico. Questo nei casi più severi di malocclusione. Può trovare specialisti in gnatologia in ogni ospedale universitario, con una divisione di odontoiatria. Cordialità.
Dr. Mirco Di Biase
Odontoiatra e protesista dentale. Consulti di carattere informativo mirco_db@libero.it

[#4] dopo  
Utente 284XXX

Innanzitutto buon anno e grazie per le risposte. I sintomi tendono a non scomparire, perciò presto consulterò uno gnatologo che mi è stato consigliato da un amico dentista. Questo dentista che mi ha visitato mi ha detto che probabilmente i lavori dell'altro hanno innescato tutto. Continua il senso di tensione al viso nella parte sinistra tra condilo e orecchio e guancia, giù per l'angolo del mento fino al collo, come se avessi qualcosa di gonfio che in realta non c'è, come ho già scritto. Anche toccandomi la guancia ho fastidi, come se pestassi una zona infiammata. Mi sento tirare anche il collo e a volte ho problemi di vertigini. Gli antidolorifici comuni fanno poco e niente. Una malocclusione può portare tutti questi fastidiosi sintomi?
Spero di poter risolvere a breve la situazione. Ancora auguri di un sereno anno.

[#5] dopo  
Dr. Mirco Di Biase

36% attività
16% attualità
16% socialità
MONZA (MB)
GESSATE (MI)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2014
Buon giorno, gentile utente, a parte le vertigini, il resto dei sui sintomi può certamente essere provocato da una malocclusione, Ribadisco la necessità di recarsi presso un gnatologo, mi faccia sapere come va. Cordiali saluti, e buon anno.
Dr. Mirco Di Biase
Odontoiatra e protesista dentale. Consulti di carattere informativo mirco_db@libero.it

[#6] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Gentile utente, TUTTI i sintomi, vertigini comprese, possono essere dovuti a problemi di cattivo funzionamento della bocca eventualmente complicato da bruxismo.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#7] dopo  
Dr. Mirco Di Biase

36% attività
16% attualità
16% socialità
MONZA (MB)
GESSATE (MI)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2014
Le vertigini, sono tuttavia un sintomo provocato anche e soprattutto da altre cause, che difficilmente trovano risoluzione, attivando procedure gnatologiche. Consulti un gnatologo specialista, ed un neurologo. Cordialmente.
Dr. Mirco Di Biase
Odontoiatra e protesista dentale. Consulti di carattere informativo mirco_db@libero.it

[#8] dopo  
Dr. Pierluigi Scaglia

28% attività
12% attualità
16% socialità
CALENZANO (FI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Le vorrei consigliare, data la vicinanza e l'esperienza del soggetto il Prof.Franco Mongini, specialista in Neurologia, professore ordinario di Algologia presso la Facoltà di Medicina dell’Università di Torino e direttore della Sezione Cefalee e Dolore Faciale del Dipartimento di Fisiopatologia Clinica.
Dott.PIERLUIGI SCAGLIA-MedicoChirurgoOdontoiatra
Terapie con Laser-Odontoiatria adulti e infantile-Protesi-Implantologia-Ortodonzia-

[#9] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Gentile utente esiste un riflesso che si chiama trigemino vestibolare e che correla il trigemino con l'equilibrio. Si tratta di studi che hanno oramai molti anni, citati e scritti poche volte da rivista odontoiatriche ma che i neurofisiologi conoscono meglio. Vuole dare un'occhiata? https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1466-vertigini-dise-equilibrio-postura-malocclusione-dentale.html
Secondo me la riduzione della dimensione verticale è dovuta, probabilmente in parte dal meccanismo descritto dal collega De Biase. Dia un'occhiata a https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1968-disordine-temporomandibolare-dolore-facciale.html con particolare riferimento al paragrafo "Dimensione verticale" che potrebbe essere ridotta. Deve allungare i denti probabilmente con bite (forse un pochino più alto). Lei oramai lo sa bene se lima sta peggio, deve alzare i denti.
Saluti

Ad ogni modo una visita otorino potrebbe togliere qualsiasi dubbio. L'intervento dello gnatologo è comunque necessario.
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum