Utente 341XXX
buonasera.
a luglio 2012 mi è stato devitalizzato il primo molare superiore a causa di una profonda carie curata quando ero ancora bambina. da subito dopo l'intervento avevo sensibilità al dente (sentivo il freddo); il dentista mi rispose che era impossibile e forse era un dente vicino che aveva problemi. da un paio di settimane (quindi dopo due anni e mezzo) la sensibilità si è accentuata fino a che il dente devitalizzato mi ha fatto davvero male (in seguito a attività fisica, due giorni fa) tanto che non riuscivo nemmeno a masticare.il dolore mi è durato un giorno a mezzo poi è tornato quasi normale anche se permane la sensibilità e ogni tanto è come se mi pulsasse. quindi mi sono recata oggi da un altro dentista che da una rx endorale ha notato un'infezione batterica (un inizio di granuloma) e ha detto che bisogna rifare la cura canalare e ricostruire il dente con un perno e la corona in ceramica (due anni e mezzo fa mi è stato solo ricostruito). le mie domande sono le seguenti: è mai possibile che dopo soli due anni e mezzo (e molti soldi spesi) debba rifare una devitalizzazione? ciò significa che il primo dentista non ha fatto bene il proprio lavoro? non poteva farmi subito una rx quando gli dissi della sensibilità per vedere se il lavoro era a posto? dalla rx di oggi risulta che per un pezzo non è stato messo del cemento. inoltre il perno e la corona sono necessari? non basta una semplice ricostruzione? c'è davvero il rischio che senza perno si fratturi? grazie per le risposte, è importante per me avere dei validi pareri visto che non mi fido più molto e non so più cosa fare.
scusate il linguaggio non tecnico. grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
cerco di rispondere alle sue domande
-quando sorge un problema su una devitalizzazione spesso la stessa ê da poco ultimata ( l'intervallo di tempo non è importante )
-purtroppo non so come il suo dentistà abbia efettuato la cura ma il successo dèl 100% non ê facile ottenerlo; spero abbia usato la diga ma qquesto comunque non è sufficiente a prevenire gli insuccessi
-solitamente su un dente devitalizzato si fa un rx
-se manca del materiale probabilmente la cura é incompleta
- il perno e la corona sono consigliabili sui denti molto ricostruiti, ma noi non possiamo sapere la situazione
-il rischio é tanto più elevato su denti molto ricostruiti
cordiali saluti
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it

[#2] dopo  
Utente 341XXX

grazie mille per la pronta risposta.
approfitto per ulteriori chiarimenti:
sono così frequenti le infezioni (e/o altri problemi) dopo una devitalizzazione? visto che dovrò ricostruire il dente con perno e corona se tra altri 3 anni (o 10 o 1) si verificherà nuovamente un'infezione il dentista dovrà eliminare tutto il lavoro fatto. andrò avanti così tutta la vita? avrei altri 60 anni da vivere con questo dente..
grazie ancora

[#3] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
La letteratura scientifica e' pressoché concorde nel dire che rifare una terapia endodontica che ha dato dei problemi, fare cioè quello che in termini tecnici si chiama ritrattamento endodontico, e' più difficoltoso e da meno garanzie rispetto al fare la devitalizzazione bene una prima volta. Devitalizzare un dente privo di lesione endodontica (granuloma) ha un tasso di successo intorno al 90%, nei ritrattamenti tale percentuale scende al 47-62% http://www.amicidibrugg.it/rivista/200704/art5_1.asp
Questo per dirle che nessuno potrà scongiurare che il suo dente anche in futuro potrà aver problemi e potrà darle dei problemi. Non potranno scongiurarlo di certo il fatto che sia stato restaurato con un perno e una corona (capsula).
Il ritrattamento e' una prestazione specialistica che richiede profonda conoscenza della materia e specifiche competenze.
La cosa migliore che può fare e' contattare un professionista con una ampia e documentata esperienza nella disciplina e affidarsi a lui.
Un cordiale saluto ) )
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra
enzodiiorio@hotmail.it

[#4] dopo  
Utente 341XXX

grazie per la risposta.
se il tasso di successo è del 90% mi viene da chiedere dove ha sbagliato il dentista? nel fatto di non aver messo il cemento in quel pezzo? ricordo che si lamentava delle mie radici molto curve.. o semplicemente non era abbastanza esperto e mi sono affidata al dentista sbagliato?

[#5] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
L'endodonzia e' una delle discipline più difficili dell'odontoiatria.
L'obiettivo del trattamento e' detergere sagomare decontaminare e sigillare (con la guttaperca non con un cemento) i canali radicolari.
Qualcosa e' andato non per il verso giusto e il fatto che radiograficamente si veda una radice non chiusa completamente ne è la testimonianza.
Capita spesso a chi non esegue con scrupolo il protocollo operativo ( il dr. finotti ha ricordato l'importanza dell'uso della diga di gomma in endodonzia per evitare di portare batteri difficili da eradicare nei canali). A volte tuttavia capita anche a chi fa tutto per bene.
Speriamo che vada bene il ritrattamento fatto eseguire da un endodontista esperto.
Cordiali saluti
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra
enzodiiorio@hotmail.it

[#6] dopo  
Utente 341XXX

lo spero anche io.
grazie mille per le vostre risposte.
cordiali saluti

[#7] dopo  
Utente 341XXX

Buongiorno dottori, è normale che il male al dente e la sensibilità siano completamente scomparsi da un decina di giorni?Immagino che non siano spariti i batteri e che il ritrattamento sia ugualmente da fare (L'appuntamento per il ritrattamento è giovedì.).
grazie

[#8] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
La scomparsa dei sintomi purtroppo non equivale a scomparsa della patologia.
Se il dente era da ritrattare 10 giorni fa lo e' anche adesso.


Cordiali saluti
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra
enzodiiorio@hotmail.it

[#9] dopo  
Utente 341XXX

grazie per la risposta, ho ancora delle domande:
il dentista ha detto che visto che il male è stato un episodio sporadico si può aspettare per fare il trattamento e nel mentre fare ogni sei mesi delle rx di controllo (sempre se non ho male). inoltre mi ha detto che i denti devitalizzati prima o poi si rompono e a quel punto o si fa una capsula o si estrae il dente e si fa un impianto. io mi chiedo: invece di aspettare che il dente si fratturi col rischio di dover fare un'estrazione, non è meglio, anche se non ho male, fare il trattamento e la capsula direttamente? con la capsula il dente è a posto per un bel po' di tempo nel senso che non si può fratturare vero?
grazie

[#10] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
Se il dente e' da ritrattare va ritrattato senza aspettare che l'infezione causi lesioni ossee importanti.
Un dente devitalizzato e restaurato correttamente ha un rischio di frattura ridotto.
Restaurato correttamente vuol dire con restauri come corone, intarsi o ricostruzioni dirette che coprano le cuspidi più indebolite dalla carie o dal trattamento.
Prevenire, come ha capito benissimo anche lei, e' meglio che curare... anche in endodonzia...
Deve convincersene il duo dentista.
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra
enzodiiorio@hotmail.it