Utente 519XXX
Salve, mi è stata diagnostica a seguito di un rx la sublussazione anteriore dei condili mandibolari a bocca aperta.
Su consiglio del mio dentista ho iniziato a portare un bite durante la notte, ovviamente non uno da farmacia ma uno fornitomi dal dentista stesso dopo aver rilevato le impronte dentali.
Inizialmente ho iniziato a portare un bite che però non riuscivo a tollerare poichè mi causava eccessiva salivazione e soprattutto conati di vomito. Sentito nuovamente il dentista, abbiamo optato per un altro tipo di bite realizzato questo con un materiale diverso, molto più sottile ma più rigido, che seppur comunque con qualche difficoltà, riesco a tallerare meglio.
A distanza di circa due mesi dall'inizio dell'utilizzo di questo bite sento che è cambiato qualcosa. nello specifico appena mi sveglio e rimuovo il bite sento la bocca "normale" cioè chiudendo la bocca sento che i denti dell'arcata superiore "combaciano" con quelli dell'arcata inferiore. durante la giornata invece, e nello specifico subito dopo aver pranzato, sento che invece come un senso di pesantezza e nel chiudere la bocca i denti non combaciano, come se toccassero in punti diversi.
Devo però sottolineare che in questi due mesi non sono stato continuo nell'utilizzo del bite sempre a causa del riflesso del vomito, alcune notti sono riuscito a tenerlo poche ore, altre invece nessuna. da due settimane a questa parte invece riesco tenerlo regolarmente senza fastidi.
Quello che mi chiedo è se questo senso di stranezza della bocca, ovvero normale appena sveglio e appesantita dopo aver pranzato con sensazione che tocchino in punti diversi, possa essere considerata normale o meno. Cioè che faccia parte del decorso del bite che pian piano riporta in sede l'articolazione, o se al contrario invece rappresenti qualcosa di negativo.
Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Gentilissimo utente, nessun Odontoiatra applica un bite e poi abbandona il paziente, quindi non esiti a richiedere una visita di controllo, dove potrà raccontare tutto i suoi problemi e le sue sensazioni. In questa occasione riceverà le corrette risposte e potrà essere essere rivisto il bite alle migliori condizioni.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/